Precedenza nella mobilità: la disabilità personale da priorità anche negli ambiti territoriali

Elena – Desideravo un vostro chiarimento in merito alla mobilità per il personale docente beneficiario della Legge 104 a titolo personale. Sono stata immessa in ruolo a settembre 2014 e al termine dell’anno di prova sono stata trasferita in un’altra scuola di un distretto diverso da quello del mio domicilio avendo pochi punti per le graduatorie per poter restare nelle scuole vicino casa e scelte da altri colleghi molto più anziani.

Pochi giorni fa mi è stata riconosciuto l’aggravamento della mia invalidità e della legge 104, e contestualmente avrei necessità di avvicinarmi al mio domicilio : non riesco a capire i criteri applicati per la mobilità (volontaria) in casi come il mio, avendo necessità di avvicinarmi al mio domicilio per motivi di salute e avendo notizia di cattedre attualmente libere. In attesa di un vostro aiuto a chiarire questo aspetto ad oggi abbastanza confuso, porgo i miei saluti

Giovanna Onnis – Gentilissima Elena,

in base alla normativa vigente le precedenze nella mobilità sono quelle previste nell’art.7 comma 1 del CCNI 2015/16. Sarà chiaramente necessario attendere il CCNI 2016/17 per verificare conferme o eventuali modifiche nelle precedenze.

La tua situazione rientra nella precedenza prevista nel punto III) : Personale con disabilità e personale che ha bisogno di particolari cure continuative

Rientrano in questa categoria i docenti che si trovano in una delle seguenti condizioni:
1) disabili di cui all’art. 21, della legge n. 104/92, richiamato dall’art. 601 del D.L.vo n. 297/94, con un grado di invalidità superiore ai due terzi o con minorazioni iscritte alle categorie prima, seconda e terza della tabella “A” annessa alla legge 10 agosto 1950, n. 648;
2) personale (non necessariamente disabile) che ha bisogno per gravi patologie di particolari cure a carattere continuativo (ad esempio chemioterapia); detto personale ha diritto alla precedenza per tutte le preferenze espresse nella domanda, a condizione che la prima di tali preferenze sia relativa al comune in cui esista un centro di cura specializzato. Tale precedenza opera nella prima fase esclusivamente tra distretti diversi dello stesso comune;
3) personale appartenente alle categorie previste dal comma 6, dell’art. 33 della legge n. 104/92, richiamato dall’art. 601, del D.L.vo n. 297/94.

Anche con le nuove regole, previste dalla legge 107 per la mobilità 2016/17 che sarà sugli ambiti territoriali, è prevista una priorità per l’assegnazione dell’incarico ai docenti da parte del Dirigente scolastico per coloro che usufruiscono della legge 104, articolo 21 e 33, comma 6.

Di conseguenza i docenti con disabilità personale avranno la priorità nella sede presso cui invieranno il curriculum, così come previsto nel comma 78

Posted on by nella categoria Mobilità
Versione stampabile
ads ads