Flessibilità del congedo di maternità e contratto fino avente diritto

Elena  – Buongiorno,sono un ‘insegnante  attualmente in gravidanza alla fine del settimo mese e sto insegnando  in una scuola media statale con incarico di 18 ore settimanali. La  data presunta parto è il 30 dicembre 2015, quindi dal 30 ottobre scatta  il congedo per maternità. Mi è stato chiesto di continuare a lavorare  ancora un mese (fino all’ottavo – cioè a fine novembre) usufruendo della  cosiddetta flessibilità.Il mio  contratto partito il 7 ottobre riporta la dicitura “fino all’arrivo  dell’avente diritto” (del docente avete diritto) senza specificare il  termine.  La Preside mi dice di  poter continuare a lavorare perché questo contratto equivale ad uno a  tempo determinato, come se fosse per tutto l’anno scolastico. Ma dato che formalmente, così non è, con la presente sono a chiedervi :1) se ho diritto con  il mio tipo di contratto alla flessibilità2)  se dovesse presentarsi l’insegnante avente diritto prima della fine  dell’ottavo mese come verrebbero calcolati i giorni di lavoro fino ad allora effettuati? Grazie. Cordiali saluti.

Paolo Pizzo – Gentilissima Elena,

ai sensi dell’art. 20 del D.L.vo n. 151/2001 è consentita la flessibilità del congedo di maternità, istituto secondo il quale, ferma restando la durata complessiva del congedo di maternità, le lavoratrici possono posticipare l’astensione dal lavoro all’ultimo mese precedente la data presunta del parto ed estendere, quindi, il periodo di congedo post-partum da tre a quattro mesi, previa attestazione medica dalla quale emerga che tale scelta non arrechi pregiudizio alla salute della gestante e del nascituro:

Il posticipo può avvenire nel limite minimo di 1 giorno e fino a un massimo di 1 mese.

Puoi fruire della flessibilità fino alla durata della nomina (ovviamente sempre rispettando come termine l’ultimo mese precedente la data presunta del parto).

Anche nel tuo caso si estende il congedo post partum a seconda di quanti giorni di flessibilità fruirai (sempre fino al massimo di un mese).

Posted on by nella categoria Supplenze, Maternità e Paternità
Versione stampabile
ads ads