Incontri scuola-famiglia: “individuali” o “collegiali”?

Luigi –  Salve,sono un docente di Geografia Economica (A039), insegno 14 ore settimanali in una scuola e tre ore in un’altra. Il Dirigente Scolastico della scuola dove insegno soltanto tre ore settimanali non mi ha approvato il prospetto delle “attività funzionali all’insegnamento” poiché ritiene che i colloqui infra quadrimestrali con i genitori, che in genere si svolgono due volte l’anno, sono “individuali” e non “collegiali”, quindi non rientrano nel calcolo delle 40+40. Ho letto vari articoli che citano l’art.29 del CCNL 2007 secondo cui gli incontri con le famiglie rientrerebbero nel computo delle ore 40+40 relative alle attività funzionali all’insegnamento. Certo di un esaustivo chiarimento, porgo cordiali saluti.

Paolo Pizzo – Gentilissimo Luigi,

l’art. 29 del CCNL/2007 al comma 3 prevede: “Le attività di carattere collegiale riguardanti tutti i docenti sono costituite da: a) partecipazione alle riunioni del Collegio dei docenti, ivi compresa l’attività di programmazione e verifica di inizio e fine anno e l’informazione alle famiglie sui risultati degli scrutini trimestrali, quadrimestrali e finali e sull’andamento delle attività educative nelle scuole materne e nelle istituzioni educative, fino a 40 ore annue”.

Come ho più volte ripetuto,  la questione sta nel fatto di stabilire cosa intendere per “individuali”.

Se  infatti il collegio dei docenti (cui compete la deliberazione del piano delle attività) ha deliberato lo svolgimento, nel corso dell’anno scolastico, di alcuni incontri di ricevimento collettivo dei genitori (cosiddetti incontri scuola-famiglia), tali ore vanne imputate al monte ore (fino a 40 annue) di cui all’art 29 comma 3 lett. a) sopra indicato.

Quindi non possono essere “individuali”.

La questione è stata affrontata anche in sede giudiziale e la sentenza del Giudice di lavoro di Napoli 5344/2006 ha affermato che : “nel momento in cui si calendarizzano colloqui periodici con le famiglie per informarle sull’andamento elle attività didattiche, essi in quanto collegiali e programmati, e quindi non più individuai, rientrano CHIARAMENTE tra le attività di cui all’art. 27 punto 3 lettera a)”.

La sentenza è riferita all’allora art. 27 punto 3 lettera a del CCNL/2003 che non ha subito modifiche nell’attuale CCNL.

Pertanto tali ore rientrano nelle 40 per la partecipazione al collegio dei docenti.

Posted on by nella categoria Didattica
Versione stampabile
ads ads