Mobilità negli ambiti territoriali: dubbi su preferenze e titolarità

Michela – Vorrei chiedere se questi ambiti territoriali rispetto al passaggio di ruolo e/o al trasferimento li sceglie il docente e se ci sono rischi di perdita del posto di ruolo nel caso non fossero accettate le domande presentate. Grazie e distinti saluti

Giovanna Onnis – Gentilissima Michela,

le regole e i criteri con i quali dovranno essere espresse le preferenze nella domanda di trasferimento o di passaggio di ruolo, dovranno essere stabiliti in sede di contrattazione nazionale sulla mobilità, per poi essere indicati nel CCNI 2016/17.

Risulta ipotizzabile, comunque, che se la mobilità, come stabilisce il comma 73 della legge 107, avverrà negli ambiti territoriali, sarà su questi che il docente dovrà e potrà esprimere preferenze, non potendo chiedere specifiche scuole.

Non mi sembra, invece, ipotizzabile la perdita della scuola di titolarità in caso di non accoglimento della domanda di mobilità.

In base alla normativa vigente fino all’anno scolastico in corso, il docente che non ottiene il trasferimento o il passaggio richiesto mantiene la sua scuola di titolarità dove sarà tenuto a prestare servizio e ritengo che ciò debba essere confermato anche per la futura mobilità.

Questi argomenti sono stati affrontati in un articolo pubblicato da OS che potrebbe interessarti http://www.orizzontescuola.it/news/mobilit-201617-preferenze-territoriali-esprimere-nella-domanda-grande-nodo-sciogliere

Posted on by nella categoria Mobilità, Riforme
Versione stampabile
ads ads