Graduatorie III Fascia ATA: la valutazione del servizio presso Poste

Buongiorno, sono a chiedere un’informazione relativa alle graduatorie ATA terza fascia.Ad un mio famigliare che ha già preso servizio per una supplenza fino al 30/6/16 è stato infatti contestato il punteggio relativo ad un periodo di lavoro effettuato presso Poste Italiane nel 1995, la cui decurtazione provocherebbe il licenziamento.

A me risulta che il MIUR erroneamente non consideri ai fini della graduatoria i punteggi relativi alle Poste dal 1994 al 1998.

Nel caso il punteggio relativo al 2015 sia valido, c’è modo di ricorrere in qualunque modo contro una decisione, quella del licenziamento, che non risulterebbe corretta?
Ringrazio sin d’ora per l’attenzione e porgo cordiali saluti

di Giovanni Calandrino – Gentilissimo, secondo la circolare ministeriale prot. n. 1293 del 22 febbraio 2012, i servizi prestati presso Poste e Telecomunicazioni; Ferrovie dello Stato; Azienda di stato Servizi Telefonici sono considerati come servizi prestati presso le Amministrazioni Statali se prestati rispettivamente fino al 31.12.1993 (Poste e telecomunicazioni) , 13.06.1985 (Ferrovie dello Stato) , 13.12.1992 ( Azienda di Stato Servizi Telefonici).

Pertanto, secondo il MIUR dal 01/01/1994 il servizio svolto presso Poste non è più valutabile. T

uttavia ricordo che l’ente Poste si considera pubblica amministrazione fino al 28/02/1998 (data di trasformazione in “Poste Italiane S.p.A.”).

Il MIUR invece, sostiene che non sia più valutabile dal 1/1/1994 data dalla quale l’ente poste era stato trasformato in ente pubblico economico, ma gli enti pubblici economici sono anch’essi pubbliche amministrazioni.

Pertanto a Lei libera decisione di intraprendere o no la via giudiziaria per il riconoscimento del suddetto punteggio.

Posted on by nella categoria Graduatorie ATA
Versione stampabile
ads ads