Assistenza a due familiari di II grado e diritto ai relativi permessi. Chiarimenti per la scuola

DSGA -Chiedo cortesemente se un dipendente pubblico che ha già compiuto 65 anni può beneficiare dei permessi mensili per assistere due sorelle disabili e per le quali è stato accertato l’handicap secondo la legge 104. In attesa di una risposta porgo distinti saluti.

Paolo Pizzo – Gentile DSGA,

Per ciò che riguarda la cumulabilità dei permessi l’art 6/1 del D. Lgs. 119/2011 prevede che, il lavoratore ha diritto di prestare assistenza nei confronti di più persone in situazione di handicap grave, solo a condizione che si tratti del coniuge o di un parente o affine entro il primo grado o entro il secondo grado, qualora i genitori o il coniuge della persona con handicap in situazione di gravità abbiano compiuto i 65 anni di età oppure siano anch’essi affetti da patologie invalidanti o siano deceduti o mancanti.

Dal momento che la sorella è un parente di II grado, il dipendente in questione può cumulare i permessi solo nel caso in cui manchi (o sia invalido o deceduto) il coniuge o il genitore della “seconda” sorella da assistere.

Ai sensi infatti della nuova disposizione i dipendenti che assistono parenti o affini tutti di secondo grado, per i quali non sussistono le condizioni di assenza, età, invalidità del coniuge/genitori della persona da assistere, non hanno più diritto alla concessione del “secondo” permesso, ma solo del “primo”.

Il fatto poi che chi assiste abbia compiuto i 65 anni è irrilevante.

 

Posted on by nella categoria Permessi e aspettative
Versione stampabile
ads ads