Supplenze ATA: perché le scuole non convocano pur avendo la disponibilità dei posti?

Sabina – Salve sono un’aspirante AA III fascia ata ho 6 ore a settimana fino al 30/06/2016 ho accettato convinta in un completamento ore ma ad oggi non c’è stato, ma il paradosso più grosso è che chiamando le scuole che avevano spezzoni di 6 o 12 ore ho scoperto che alcune di esse non convocano neppure, senza delle ragioni specifiche. Sono rimasta basita, e più passa il tempo più non mi capacito, perchè se fanno i tagli ci lamentiamo e poi non usiamo tutte le risorse a nostra disposizione? Quindi possiamo anche dire che le segreterie non sono a corto di personale, e non sono oberate di lavoro? Sono tanto amareggiata con la sete di lavoro che c’è perché alcuni istituti decidono di non assumere nessuno? Grazie, per l’attenzione.

di Giovanni Calandrino – Gentilissima Sabina, il completamento d’orario è un DIRITTO del dipendente, come stabilisce l’art. 4 del D.M. n. 430 del 13/12/2000:

“L’aspirante cui viene conferita una supplenza con orario ridotto in conseguenza della costituzione di posti di lavoro a tempo parziale per il personale di ruolo, conserva titolo, in relazione alle utili posizioni occupate nelle varie graduatorie di supplenza, a conseguire il completamento d’orario fino al raggiungimento dell’orario ordinario di lavoro previsto per il corrispondente personale di ruolo.”

Le consiglio di contattare le istituzioni scolastiche interessate e provare a chiedere le motivazioni di tale ritardo. in ogni caso può sempre rivolgersi a un sindacato per far luce sulla questione.

Speriamo che questa sua segnalazione sia monito di attenzione da parte degli organi superiori.

Posted on by nella categoria Ata
Versione stampabile
ads ads