Al padre lavoratore spetta il congedo parentale dalla nascita del figlio

Mauro  – Buongiorno, sono un docente con contratto a tempo determinato.  Sono diventato papà da poco più di un mese, mia moglie (anche lei pubblico dipendente) è ovviamente in astensione dal lavoro per maternità obbligatoria.  Ho presentato richiesta per qualche giorno di congedo parentale alla mia scuola e la segreteria ha sollevato dubbi sul fatto che mi spettassero in quanto mia moglie sta usufruendo della maternità.  Mi può dire qualcosa in proposito?

Paolo Pizzo – Gentile Mauro,

nessun problema, la normativa è chiara.

l’art 32 lettera b del T.U. 151/01 dispone  che al padre lavoratore spetta il congedo parentale, dalla nascita del figlio, per un periodo continuativo o frazionato non superiore a sei mesi…

Qualora il padre lavoratore eserciti il diritto di astenersi dal lavoro per un periodo continuativo o frazionato non inferiore a tre mesi, il limite complessivo dei congedi parentali dei genitori è elevato a undici mesi.

E’ invece alla madre lavoratrice che il congedo spetta solo trascorso quello della maternità (ex congedo obbligatorio).

Posted on by nella categoria Permessi e aspettative
Versione stampabile
ads ads