Passaggio di ruolo 2016/17: titolarità negli ambiti territoriali e anno di prova

Roberta – Sono una docente di ruolo, immessa nell’anno scolastico 2007/ 2008 per la A043. Prevedo di fare richiesta di mobilità professionale per la classe A051 per l’anno scolastico 2016/2017 approfittando della mobilità straordinaria. Volevo chiedere se potrò fare richiesta su sedi specifiche o sui distretti o rientrerò negli ambiti territoriali, se dovrò sostenere l’anno di prova con attività di formazione e se prevedibilmente in caso di mancata assegnazione di una sede perderò automaticamente la titolarità nella mia scuola attuale e dovrò accontentarmi della scelta dell’ U.S.R.

Inoltre, potrò propormi autonomamente presso le scuole con presentazione del curriculum o la scelta avverrà secondo punteggio? Le domande sono molte, ma la confusione è grande. Praticamente, dal momento in cui farò domanda cosà dovrò affrontare? Mille grazie

Giovanna Onnis – Gentilissima Roberta, la mobilità professionale che vuoi chiedere è passaggio di ruolo dalla scuola Secondaria di I grado alla Secondaria di II grado e avresti potuto chiedere tale movimento anche in altra provincia a prescindere dal piano di mobilità straordinaria prevista per l’a.s. 2016/17 nella legge 107, in quanto come immessa in ruolo nell’a.s. 2007/2008 hai ampiamente superato il vincolo triennale di permanenza nella provincia i immissione in ruolo.

La mobilità per l’anno scolastico 2016/17, sia quella territoriale, sia quella professionale, come stabilisce il comma 73 della legge 107 avverrà negli ambiti territoriali e questo ti impedirà di chiedere specifiche scuole nelle preferenze, a meno che i sindacati che puntano sul rinviare di un anno l’istituzione degli ambiti, riescano nel loro intento.

Se otterrai il passaggio di ruolo e rimarrà valida la recente disposizione ministeriale sull’anno di prova, cioè quanto stabilisce il DM del 27 ottobre 2015 e la circolare Prot. 36167 del 5/11/2015, dovrai fare l’anno di prova e formazione nella sua interezza.

Ottenendo il passaggio di ruolo sarai titolare in uno degli ambiti territoriali richiesti e potrai presentare la tua “candidatura” nelle scuole appartenenti all’ambito di titolarità, mediante presentazione del curriculum, così come stabilisce il comma 79 della legge 107.

Sarà, però, il Dirigente scolastico a conferire l’incarico al docente e l’incarico si perfezionerà con l’accettazione da parte del docente stesso.

In mancanza di proposte da parte dei Dirigenti scolastici sarà l’U.S.R. a conferire l’incarico al docente, in sintonia con il comma 82.

Se non otterrai il passaggio di ruolo, rimarrai titolare nell’attuale scuola senza nessun coinvolgimento negli ambiti territoriali

Posted on by nella categoria Mobilità, Riforme
Versione stampabile
ads ads