Supplenze: avente diritto, posto comune e lingua inglese. Chiarimenti per il Dirigente scolastico

Dirigente scolastico – Buon giorno, scrivo dall’Istituto Comprensivo di X. In questo momento di grande confusione in materia di conferimento supplenze, immissioni in ruolo etc. mi trovo a dover affrontare delle situazioni poco chiare e a tale proposito dovrei porvi due quesiti: I   Il 14 settembre ho nominato, con nomina sino all’avente diritto su posto di sostegno, attingendo dalle domande di messa a disposizione, una docente di scuola primaria per H. 24 settimanali. La stessa ha chiesto la riduzione d’orario per allattamento pertanto ho nominato una supplente per h. 6 sett.li sempre sino all’avente diritto. In data 17 novembre, con la pubblicazione delle nuove graduatorie, considerato che nelle graduatorie di istituto non sono presenti docenti provvisti di titolo ed in seguito alla richiesta fatta alle scuole viciniori, ho provveduto ha confermare in servizio la docente nominata il 14 settembre. Ora chiedo: l’attribuzione delle 6 ore sett.li spetta di diritto alla docente che avevo nominato all’inizio dell’anno o devo scorrere le nuove graduatorie.

Paolo Pizzo – Gentile Dirigente,

il Miur ha più volte chiarito che quando al medesimo docente e sul medesimo posto sia attribuita prima una supplenza temporanea in attesa dell’avente titolo e poi una supplenza annuale o temporanea sino al termine delle attività didattiche, l’intero periodo assume il regime giuridico del provvedimento attribuito a titolo definitivo.

Secondo questo principio, quindi, al supplente, per le ore di allattamento, va prorogato il contratto per continuità didattica ai sensi dell’art. 7/4 del DM 131/07.

Dirigente scolastico – II   In data 22/10/2015 ho nominato una docente di scuola primaria posto comune con contratto di supplenza breve decorrenza 22/10/2015 – 20/11/2015. Avendo appurato che la supplente individuata non ha le competenze per l’insegnamento della lingua inglese, ho individuato una seconda supplente per le ore che la titolare svolge per l’insegnamento delle seconda lingua. In data 20 novembre la titolare comunica la prosecuzione dell’assenza sino al 21/12/2015. La docente a cui era stata conferita la supplenza per l’insegnamento su posto comune non accetta la proroga. Ora mi trovo di fronte ad un grosso dubbio e chiedo quale delle tre soluzioni che seguono è quella giusta? 1 – la supplente a cui è stata conferita la nomina per l’insegnamento della II lingua ha diritto alla proroga indipendentemente da chi verrà nominata per le restanti ore; 2 – Se scorrendo la graduatoria individuo una docente con competenze all’insegnamento della seconda lingua, questa  può far valere il diritto di avere la nomina per l’intero orario settimanale; 3 – La docente a cui è stata conferita la nomina per l’insegnamento della II lingua,  pur trovandosi in II fascia, può far valere il diritto al completamento, considerato che è già in servizio nella scuola; (questa possibilità mi pare un po’ troppo remota). In attesa di un sollecito riscontro colgo l’occasione per porgere cordiali saluti.

Paolo Pizzo – Ai sensi dell’art 7/8 del DM 131/07 Le supplenze da disporsi sui posti di scuola primaria i cui titolari provvedono all’insegnamento di una lingua straniera, sono conferite, ai candidati che nei concorsi per esami e titoli per l’accesso all’insegnamento nella scuola primaria sono stati inclusi nella graduatoria di merito e hanno superato la prova facoltativa di accertamento della conoscenza della corrispondente lingua straniera, ai candidati che hanno superato la medesima prova nelle sessioni riservate di esami per il conseguimento dell’idoneità all’insegnamento nella scuola primaria, agli aspiranti forniti del titolo di laurea di Scienze della formazione primaria, in relazione agli esami di lingua straniera previsti nel piano di studi, ovvero, a coloro che, inclusi nella relativa graduatoria di scuola primaria, siano anche in possesso di titolo valido per l’insegnamento della lingua straniera nella scuola secondaria di 1° grado ovvero di 2° grado. Agli aspiranti in possesso dei predetti titoli vengono attribuite le supplenze secondo l’ordine di posizione da essi occupato nella relativa graduatoria scolastica.

Le supplenze da conferire ai sensi dell’art. 7, comma 8, sono da riferirsi sia agli insegnanti specialisti di lingua inglese, che a quelli specializzati.

La nota Ministeriale n. 15551/2007 nel merito aggiunge: “Attribuzione di ore di insegnamento per specialisti di lingua inglese nella scuola primaria: Qualora a seguito della copertura totale dell’organico dei posti comuni residuino ore di lingua inglese in quanto il personale docente titolare e/o in servizio nella scuola non abbia titolo al predetto insegnamento, le ore rimaste disponibili saranno assegnate ad aspiranti presenti nelle graduatorie di circolo in possesso dei previsti requisiti”.

Pertanto per l’insegnamento delle ore di lingua queste vanno assegnate al personale specializzato, così come disposto nel D.M. 131/2007 e l’insegnamento per le ore di posto comune a personale in possesso di abilitazione per la scuola primaria, quindi con precedenza rispetto a quello in possesso del solo titolo di studio.

Nel caso in questione, quindi, la supplente su posto di lingua inglese rimarrà titolare della supplenza per continuità didattica essendo docente specializzata, mentre per le restanti ore si nominerà per il posto comune.

Anche in questo caso per la docente specializzata va considerata la continuità didattica di cui all’art 7/4 del DM citato.

 

 

 

Posted on by nella categoria Supplenze
Versione stampabile
ads ads