Interruzione aspettativa. Chiarimenti per il Dirigente

Dirigente scolastico – E’ possibile interrompere un periodo di aspettativa con un periodo di congedo per malattia? Oppure è possibile terminato un periodo di aspettativa, non riprendere servizio e proseguire con un periodo di congedo per malattia?

Paolo Pizzo – Gentile Dirigente,

l’Aran ha avuto modo di precisare che l’art 18 del CCNL 29-11-2007, contratto vigente per il comparto scuola, nel trattare dell’aspettativa di famiglia non ha alcuna previsione né alcun divieto sulla possibilità di interruzione per alcun motivo di detto istituto.

Detta interruzione si deve però ritenere possibile, se per causa di malattia per l’ipotesi di gravi patologie che determinano lunghi periodi di assenza, atteso che tale situazione genera impossibilità di assolvere a doveri lavorativi e a svolgere prestazioni specifiche non giustificabile con l’aspettativa per motivi di famiglia.

A mio avviso rimane comunque nella valutazione del Dirigente accogliere l’istanza del docente se ritenuta comunque valida e motivata.

Ove vi sia stata comunque una ripresa dell’attività lavorativa, se il dipendente vuole fruire ulteriormente di un periodo di aspettativa per motivi personali, dovrà presentare sempre una nuova domanda, nel rispetto delle previsioni dell’art. 18.

Per il secondo quesito il cumulo è ammissibile anche senza alcuna ripresa di servizio attivo da parte del lavoratore interessato.

Posted on by nella categoria Assenze, Permessi e aspettative
Versione stampabile
ads ads