Prima in GaE: possibilità di essere assunta nel 2016/17, e dove

Mery – Vorrei sapere: cosa faranno esattamente gli assunti della fase c? Io che sono rimasta nelle gae potrò essere assunta il prossimo anno visto che sono prima in due classi di concorso ora o avranno la meglio gli assunti delle fasi A B C con la mobilità?

risposta – gent.ma Mery, se cerchi oggi la rassicurazione sulla tua assunzione nel 2016/17, sappi che questa non può esistere oggi (ma d’altronde qual è stato l’anno scolastico in cui i neoimmessi in ruolo hanno saputo con mesi di anticipo del loro ruolo?!?)

La tua assunzione infatti – come ogni anno – dipenderà da una serie di circostanze.

La più importante è la disponibilità del posto, che non possiamo conoscere a priori. Prima delle immissioni in ruolo bisognerà superare lo scoglio della mobilità, che quest’anno si comporrà di due fasi "straordinarie", e che è allo studio del Miur per cercare di assicurare quanto più possibile il rientro nelle proprie province di residenza.

Il secondo scoglio è il concorso a cattedra, le cui graduatorie presupponiamo possano essere pronte in tempo utile per l’a.s. 2016/17.

Se tu non vi prenderai parte o non lo vincerai parteciperai alle immissioni in ruolo solo per il 50% delle immissioni in ruolo, il rimanente 50% andrà al concorso, che ha carattere regionale.

D’altronde lo stesso Ministero nella FAQ 18 pubblicata in estate in occasione della presentazione della domanda per la fase B e C scriveva

  1. Se non presento la domanda di partecipazione alle fasi  b ) e  c ) del piano straordinario di assunzioni, potrò comunque essere assunto in futuro?
    Naturalmente non si potrà essere assunti nel 2015/2016, proprio perché non si è presentata la domanda.
    Per quanto riguarda gli anni successivi, va ricordato che nel 2016/2017 cambierà la geografia dei posti vacanti e disponibili poiché molti di questi potranno essere occupati dal personale già di ruolo nel 2014/2015 a seguito del piano straordinario di mobilità previsto dal comma 108 della legge 107/2015. Quindi, i primi scorrimenti nelle graduatorie ad esaurimento che eventualmente rimarranno in vigore dopo il piano straordinario potrebbero non avvenire prima del 2017/2018. Va inoltre ricordato che le graduatorie non esaurite potranno essere scorse solo nel limite del 50 per cento dei posti vacanti e disponibili della provincia di riferimento, poiché il rimanente 50 per cento è riservato al prossimo concorso che sarà bandito entro il 1° dicembre 2015. Infine, la distribuzione dei posti per classe di concorso dipenderà anche dal fabbisogno espresso dalle scuole con i Piani triennali dell’offerta formativa e, dunque, ad oggi non è conosciuta.

Dunque, 3 elementi sono importanti di questo messaggio.

1) Potrebbe cambiare la distribuzione geografica dei posti in conseguenza della mobilità. Questo naturalmente è un discorso generale, magari sei in classi di concorso poco ambite e in una provincia in cui non ci saranno rientri, o viceversa.

2) Alle GaE, se le GM del nuovo concorso a cattedra saranno pronte, va il 50% dei posti

3) Non è ancora possibile conoscere, quantitativamente, il numero dei posti, in quanto dovranno essere disposti pensionamenti e i PTOF, elaborati dai collegi docenti per l’ampliamento dell’offerta formativa nel triennio 2016/18, e non sappiamo certo oggi quali classi di concorso verranno scelte.

Queste indicazioni potranno dunque esserti utile per una eventuale scelta alla partecipazione del concorso, ma non possono darti oggi la sicurezza dell’incarico a tempo indeterminato nel 2016/17.

Posted on by nella categoria Immissioni in ruolo
Versione stampabile
ads ads