Neo immesso in ruolo: la domanda di mobilità non è vincolata al superamento dell’anno di prova e non è prevista la precedenza per figli minori

Cristina – Buongiorno! Sono una neoassunta della fase C, in maternità obbligatoria dal 28 novembre 2015. Seguo sempre il vostro sito e le vostre newsletter, ma non riesco a capire se, secondo le nuove regole, avere un neonato potrà costituire o meno un requisito di precedenza nella richiesta di mobilità che sono costretta a presentare, come tutti,  a febbraio/marzo per il 2016/17. Vorrei sapere, insomma, quante probabilità ho di poter restare nella mia provincia o ambito territoriale che sia, senza che i trasferimenti degli altri assunti e neoassunti mi scalzino altrove…

Bonus 500 euro spendibile anche da chi andrà in pensione dal 1° settembre 2016

Maria – Gentilissima redazione, con il bonus di 500 € vorrei comprare un tablet che costa più di 500€. Posso comprarlo lo stesso integrando ovviamente la somma eccedente? Sarà comunque valida la fattura con l’importo maggiore ? Inoltre poiché andró in pensione nel 2016, potrò comunque usufruire del bonus che mi è stato accreditato ad ottobre sul mio stipendio?

Supplenza da GI di 4 ore: è possibile lasciarla per altra di 18 ore?

Fabio  – Gent.mi Staff di Orizzonte Scuola,  ad oggi ho ricevuto incarico da GI per 4 ore al 30/06/16,  alla luce della circolare Miur 25141 del 10/08/15 (qui allegata) posso rinunciare a tale incarico per 18 ore al 30/06/16 ? Da una prima lettura della circolare a pagina 5 sembrerebbe di si. Dato che sto ricevendo tante convocazioni mi sarebbe di grande aiuto un Vostra opinione. Grazie.

Mobilità negli ambiti territoriali e proposta di incarico triennale da parte del Dirigente scolastico: titolarità nell’ambito o nella scuola dove si ottiene l’incarico? Chiarimenti

Giuseppe – Vorrei conferma se ho interpretato bene la normativa, cioè dal prossimo anno scolastico tutti i docenti saranno titolari non in una scuola ma in un ambito territoriale e solo a seguito della scelta del Dirigente Scolastico si diventa titolari per un triennio in quella scuola.

Passaggio di ruolo da sostegno I grado a sostegno II grado: il docente che lo ottiene sarà coinvolto negli ambiti territoriali?

Simona – Sono una docente titolare su posto di sostegno scuola infanzia, vorrei chiedere il passaggio di ruolo su posto sostegno secondaria di II grado ( sempre nella provincia di titolarità). Vorrei sapere se gli ambiti territoriali sono previsti anche per chi produce domanda di mobilità professionale. Grazie mille

Anno di prova neoimmessi fase C e scuola con settimana corta

Maria Grazia – Sono stata immessa in ruolo nella fase c) e ho preso servizio il 26 novembre in un istituto che adotta la settimana corta. Come si effettua in questo caso il computo dei 120 giorni di effettiva presenza per attività didattiche? Il sabato, giorno di chiusura della scuola, è equiparato al giorno libero? Il pomeriggio di rientro come viene considerato? Grazie in anticipo per i chiarimenti.

Assegnazione provvisoria 2016/17: sarà sempre possibile chiedere ricongiungimento al convivente?

Silvia – Sono una docente di sostegno nella scuola secondaria di primo grado, assunta a tempo indeterminato dal settembre 2010. Se intendessi chiedere assegnazione provvisoria interprovinciale per l’a.s. 2016/2017 è requisito indispensabile il ricongiungimento ad un convivente che autocertifichi di essere residente là da almeno tre mesi? Grazie per la cortese attenzione. Cordiali saluti

Supplenza ATA: la riconferma del supplente in caso di sospensione delle lezioni

Filippo – Salve, volevo chiederle una cosa;sono un collaboratore scolastico supplente,ho lavorato da ottobre fino al 22 dicembre,il titolare ha inviato un certificato continuativo cioè dal 23 dicembre fino a metà gennaio,( non so di preciso la data,però so che è oltre 7 giorni dal 7 gennaio), il 7 mi è stato detto che visto che non c’è continuità non spetta a me la supplenza,come funziona realmente? Perché io so che dovrebbero riconfermare me. Grazie

Congedo parentale e rientro dopo il 30 aprile

Roberta – Buongiorno a tutti, mi chiamo Roberta e sono una docente di sostegno a tempo indeterminato della scuola secondaria di primo grado. Ho letto le vostre risposte maho ancora qualche dubbio. Voglio rientrare a disposizione dopo il 30 aprile  e ho un dubbio su come mantenere  la continuità di assenza dopo l’astensione obbligatoria e durante il congedo parentale: 1. in particolare mi interessa sapere questo: se prendo 2 giorni di congedo giov e ven e il lun riprendo con diversa assenza ( per es. malattia bambina ), e non copro il weekend con alcuna giustificazione perche la mia scuola adotta la settimana corta, IN TAL MODO INTERROMPO LA MIA CONTINUITà DI ASSENZA?  2. Inoltre mi confermate che secondo le nuove disposizioni il congedo va chiesto con 5 e non 15 gg di anticipo? Grazie infinite.

Pensionamento forzato, Chiarimenti per il DS

Dirigente Scolastico – Gentile orizzonte scuola, vorremmo sapere se il Dirigente scolastico che compirà 65 anni al 31/08/2016 con i requisiti (quota 96) Può inoltrare istanza di proroga del servizio in considerazione dell’alto ricorso alle reggenze, della graduatoria esaurita dei Vincitori di concorso DS e di mancanza di soprannumerari e entro quale termine l’istanza deve essere inoltrata. Si Ringrazia anticipatamente

Pensione di vecchiaia previsti dalla L. 214/2011: dal 2016 al 2018 66 anni e 7 mesi

Anna  – Buona sera, dopo aver letto il vostro articolo relativo all’elenco delle varie possibilità di andare in pensione, ho controllato la mia situazione, ma avrei bisogno di un piccolo aiuto. nel 2012 avevo richiesto il calcolo della mia situazione che risultava essere la seguente: Al 31/08/2012 l’anzianità é pari a  anni 31, mesi 08, giorni 07. Io sono insegnante di ruolo dal 1998 , nata il 02/04/ 1952. Quando potrò andare in pensione. Aspetto un vostro ricalcolo e consiglio

Prima possibilità di “uscita” data dal raggiungimento del requisito per la pensione di vecchiaia ovvero legata all’età

Lorenzo – Salve, sono un docente di iis, avrò 35 anni di contributi e 64 anni ad agosto 2016. Se venisse approvata la flessibilità in uscita – diciamo in primavera – io rientrerei nei requisiti per la pensione anticipata. Ma se le domande devono essere fatte entro gennaio, sarò tagliato fuori per un altro anno? Potrebbe esserci una proroga delle scadenze della domanda? Grazie.

La pensione anticipata rispetto a quella di vecchiaia. Requisiti

Alfonso – Salve, sono un insegnante maschio  della scuola media superiore nato a ottobre 1952 e al 31 agosto 2016 avro’ un’anzianita’  contributiva di 42,  5 mesi e 17 giorni e quindi al 31 dicembre 2016 saranno 42 anni, 9 mesi e 17 giorni, potro’ andare in pensione  il 1 settembre 2016? Gentile Docente, in merito alla su richiesta,  ad oggi, considerata l’età anagrafica e l’ anzianità di servizio, la prima possibilità di “uscita”, tenuto conto dell’ attuale normativa sulle pensioni, è data dal raggiungimento del requisito per la pensione di vecchiaia ovvero legata all’età.