Supplenze. Il completamento di orario è un diritto o una cortesia?

Ho cercato su internet ma ho trovato pareri discordanti, quindi chiedo a voi che sempre ci illuminate. Ho supplenza su piccola isola per 6 ore settimanali fino 30-6. Vengo convocata per 18 ore settimanali sulla terraferma sempre fino 30-06. Il completamento sembra impossibile perché nessuno vuole modificare l’orario. È un diritto? O una cortesia? Inoltre, cosa accadrebbe se volessi lasciare l’isola è prendere solo la terraferma? Sono entrambe da GI e ho accettato l’isola perché unica a fine anno al momento della convocazione.

risposta – innanzitutto sgombriamo il campo da ciò che non si può fare: lasciare le 6 ore dell’isola per accettare la terraferma.

Si configurerebbe come abbandono di servizio ai sensi dell’art. 8 del Regolamento delle supplenze

  1. l’abbandono del servizio comporta la perdita della possibilità di conseguire supplenze, conferite sulla base delle graduatorie di circolo e di istituto, per tutte le graduatorie di insegnamento.

a meno che tale richiesta non sia dovuta a giustificati motivi suffragati da obiettiva documentazione da far pervenire alla scuola.

Pertanto, una volta avuta la sanzione, non potresti accettare neanche l’altra supplenza.

Tu chiedi se il completamento di orario sia un diritto o una cortesia

Ti invitiamo a leggere questo articolo Supplenze: il completamento orario per i docenti precari è un diritto?

Posted on by nella categoria Supplenze
Versione stampabile
ads ads