Mobilità interprovinciale 2016/17: in quale fase rientrerà?

Carmelo – Sono un insegnante a tempo indeterminato, scuola di II grado, immesso in ruolo nel 2012, titolare in altra provincia rispetto a quella di residenza.
Vorrei sapere se con la nuova legge posso partecipare alla mobilità straordinaria e in quale fase. Inoltre, richiedendo un passaggio interprovinciale, per rientrare nella mia provincia, la mia istanza andrebbe comunque in coda a tutte le varie fasi della mobilità all’interno della stessa provincia?

Giovanna Onnis – Gentilissimo Carmelo,

come docente immesso in ruolo nell’anno scolastico 2012/13 avresti potuto presentare domanda di mobilità interprovinciale anche nell’a.s. 2014/15 per il corrente anno scolastico 2015/16, avendo superato il vincolo triennale di permanenza nella provincia di immissione in ruolo.

Quindi, a maggior ragione, potrai presentare domanda di mobilità interprovinciale per il prossimo anno scolastico e per te non sarà mobilità “straordinaria” come invece sarà per i docenti ancora nel vincolo triennale che potranno usufruire della deroga prevista nel comma 108 della legge 107.

Per quanto riguarda le fasi della mobilità non si hanno ancora certezze sulla possibile conferma delle tre fasi valide fino al corrente anno scolastico e su questo argomento le possibilità sono state analizzate in un articolo pubblicato da OrizzonteScuola  http://www.orizzontescuola.it/news/mobilit-201617-possibili-fasi-quanto-sar-volontaria-domanda-assunti-fase-c-nella-propria-provin

Se nel CCNI 2016/17 ci sarà una conferma per le fasi della mobilità, la tua essendo movimento interprovinciale rientrerà nella III fase dove è compresa la mobilità professionale provinciale e, a seguire, la mobilità territoriale e professionale interprovinciale.

Quindi chiedendo passaggio interprovinciale, che è mobilità professionale, andresti in coda a tutti i movimenti provinciali , sia territoriali che professionali.

Chiaramente per avere conferma sarà utile analizzare i criteri e le regole per la futura mobilità che dovranno essere esplicitati nel CCNI 2016/17 non ancora predisposto

Posted on by nella categoria Mobilità
Versione stampabile
ads ads