Docente titolare su una COE: è possibile cambiare scuola di completamento?

Mirella – Sono una docente di scienze naturali della secondaria di secondo grado entrata di ruolo nel 2014/2015 grazie ad un passaggio di ruolo. Quest’anno sono titolare per 10 ore in una scuola e ho avuto il completamento di 8 ore presso un’altra scuola. Poi grazie ad una serie di eventi fortuiti sono riuscita ad avere un miglioramento cattedra e completo le otto ore nella stessa scuola di titolarità. Il quesito che volevo porre riguarda quello che potrebbe accadermi il prossimo anno, cioè è automatico che la mia cattedra continui ad essere suddivisa tra le due scuole?

E’ possibile individuare una scuola diversa dove completare le ore? Inoltre potrebbe accadere che nella scuola dove sono titolare si perdano 2 ore della mia materia e io sono l’ultima in graduatoria, a quel punto divento perdente posto e finisco negli albi territoriali? Grazie in anticipo e spero di poter avere una risposta saluti

Giovanna Onnis – Gentilissima Mirella,

la tua cattedra è una COE (Cattedra Orario Esterna) costituita da 12 ore nella scuola di titolarità e 8 ore in altra scuola di completamento.

In base alla normativa vigente per mantenere la titolarità nella scuola anche per i prossimi anni scolastici la COE deve risultare nell’ organico della scuola che è, quindi, sede di titolarità della COE.

La scuola di completamento può cambiare nel corso degli anni e questo dipende dalle disponibilità di spezzoni che possono cambiare negli anni e dipende da come l’USP decide di costituire la cattedra.

Se nella tua scuola si verificasse una contrazione di 2 ore sarà necessario un completamento esterno con spezzone di 8 ore per consentire la costituzione di una COE 10+8.

L’impossibilità di trovare completamento esterno, impedirà all’USP la costituzione di una COE con tua conseguente soprannumerarietà e automatico coinvolgimento negli ambiti territoriali come prevede il comma 73 della legge 107: “Il personale docente in esubero o soprannumerario nell’anno scolastico 2016/2017 e’ assegnato agli ambiti territoriali

Con l’organico dell’autonomia , comprendente sia l’organico di diritto sia quello di potenziamento, come prevede la legge 107 nel comma 68, è possibile che il discorso sulle COE possa cambiare, ma questi cambiamenti, se previsti, dovranno essere esplicitati in sede di contrattazione nazionale tra sindacati e MIUR

Posted on by nella categoria Varie
Versione stampabile
ads ads