Supplenze. Le graduatorie non valgono più? Sono i Dirigenti a scegliere?

Silvia – Volevo capire, alla luce delle nuova legge per l’istruzione, quali sono le modalità di convocazione delle supplenti considerata la massiccia immissione in ruolo dei precari distribuiti nelle varie graduatorie. E’ vero che le scelte sono a discrezione del dirigente e che quindi la graduatoria non conta più?

risposta – innanzittuto distinguiamo i due argomenti: la conseguenza delle numerose immissioni in ruolo sulle supplenze e le modalità di conferimento delle stesse.

Per quanto riguarda il primo argomento bisogna distinguere tra la situazione dell’a.s. 2015/16 e quella che dovrebbe delinearsi nei prossimi anni.

Quest’anno la cosiddetta "supplentite" non è diminuita, ma paradossalmente potrebbe essere aumentata (non abbiamo ancora i dati), in conseguenza dei posti che sono stati creati ex novo nella fase C delle immissioni in ruolo. Abbiamo infatti spiegato che ci sono circa 16.000 posti residui della fasi B e C che il prossimo anno verranno utilizzati per mobilità e immissioni in ruolo, che intanto vanno a supplenza. 16.000 posti residui da fasi B e C saranno disponibili per mobilità e immissioni in ruolo 2016/17

Abbiamo anche spiegato perchè I docenti del potenziamento non sottraggono cattedre al 30/06 o al 31/08 ai precari

Nel corso degli anni invece le supplenze al 30 giugno o 31 agosto – se il percorso individuato dalla Buona Scuola proseguirà – saranno destinate a scomparire perchè sostituite da costanti immissioni in ruolo. Le supplenze temporanee determinate da circostanze contingenti (malattia, gravidanze, aspettative) naturalmente ci saranno sempre.

Bisogna però fare attenzione al subdolo comma della Buona Scuola sul non superare i 36 mesi di servizio su posti vacanti e disponibili (circostanza che con concorsi regolari non dovrebbe verificarsi) Riforma. Supplenze 36 mesi su posto vacante unità di misura per stop al precariato

Per quanto riguarda le modalità di assegnazione delle supplenze, tutto invariato. La legge sulla Buona Scuola non interviene su questo, se non nel lungo periodo, cioè per il fatto che a regime della nuova modalità di reclutamento le supplenze potrebbero essere affidate ai tirocinanti. Ma ne siamo lontani.

I presidi devono assegnare le supplenze scorrendo le graduatorie e se queste ultime risultano esaurite, atttraverso le domande di messa a disposizione.

Posted on by nella categoria Supplenze
Versione stampabile
ads ads