Mobilità negli ambiti territoriali: sarà su organico di diritto o su organico di potenziamento?

Clementina – Sono un’insegnate neo immessa fase C da GM. Volevo chiedere come avverrà la mobilità sulle cattedre nel senso che, i posti disponibili negli ambiti territoriali saranno su due binari, uno per i posti del potenziamento e l’altro per le cattedre ordinarie? Oppure non vi sarò distinzione? Grazie per il vostro servizio super professionale

Giovanna Onnis – Gentilissima Clementina,

non è possibile rispondere alla tua domanda con assoluta certezza in quanto le regole che dovranno essere applicate nella mobilità del prossimo anno sono ancora da definire e per questo sono in corso gli incontri per la contrattazione nazionale tra sindacati e MIUR.

In base a quanto prevede la legge 107, però, è possibile ipotizzare una risposta che a mio parere dovrebbe essere confermata nel CCNI 2016/17.

Nel comma 64, infatti, si parla di organico dell’autonomia : “A decorrere dall’anno scolastico 2016/2017………………e’ determinato l’organico dell’autonomia su base regionale”
e nel comma 68 si chiarisce che:
A decorrere dall’anno scolastico 2016/2017, con decreto del dirigente preposto all’ufficio scolastico regionale, l’organico dell’autonomia e’ ripartito tra gli ambiti territoriali. L’organico dell’autonomia comprende l’organico di diritto e i posti per il potenziamento, l’organizzazione, la progettazione e il coordinamento

Quindi è possibile dedurre che, per il docente che ottiene il trasferimento in un ambito, l’attribuzione dell’incarico da parte del dirigente scolastico sarà sull’organico dell’autonomia della scuola e presumo che sia a sua discrezione conferirlo nell’organico di diritto o nell’organico di potenziamento, a prescindere dall’anno in cui è stato immesso in ruolo il docente o dalla fase di immissione in ruolo, se si tratta di docente neo-immesso.

Questa ipotesi, del tutto personale, richiede ovviamente conferma o smentita da parte di disposizioni ministeriali specifiche riguardanti appunto la mobilità 2016/17

Posted on by nella categoria Mobilità, Riforme
Versione stampabile
ads ads