Mobilità 2016/7: fase B vs fase C

Cara Lalla, Sono una delle tanti insegnati che dopo la “calda” e travagliata estate scorsa ha ottenuto la tanta sospirata proposta di assunzione in fase b. Purtroppo, dalla percezione di un momento di grande gioia e felicità all’amarezza e la delusione vissuta, il passaggio è stato breve. Da novembre colleghi, amici e conoscenti sono stati chiamati per la proposta di assunzione in fase c nella stessa città di appartenenza. Il tutto è stato perpetrato a discapito di chi aveva un punteggio più alto in graduatoria e che ad oggi si trova ad insegnare a chilometri di distanza con tutti i disagi che ne conseguono. Il prossimo anno, con la richiesta di mobilità straordordinaria, come verrà gestita la questione?

I neoassunti in fase c rimarranno nella provincia assegnata nonostante il punteggio sia ben inferiore rispetto a chi in fase b si trova a chilometri di distanza. Molti docenti (fase C) sono convinti di ciò.

Cercherò di essere più esplicita, dal prossimo anno scolastico come verrà gestista la mobilità???????

Credo che questo argomento debba essere chiarito da un sito come ORIZZONTE SCUOLA cosi importante per noi docenti

Riporto sotto la mail di risposta della FLC CGIL nazionale in merito alla questione posta

"Gentile collega, la legge 107/15 regola esplicitamente al mobilità del 2016/2017 ed in particolare stabilisce che gli assunti da GAE in fase b) e c) non hanno una provincia definitivi e quindi partecipano alla mobilità sull’intero territorio nazionale senza alcuna priorità provinciale: a quel punto prevarrà il punteggio posseduto da ciascuno"

risposta – gent.ma, la risposta che cerchi al momento non può essere fornita in maniera definitiva.

La contrattazione tra sindacati e Miur su come tradurre le norme previste dalla legge 107/2015 nel nuovo contratto di mobilità per l’a.s. 2016/17 sono ancora in via di definizione. Stiamo cercando di seguire ogni giorno la questione, dedicando a questo argomento numerosi articoli che troverai nel tag Mobilità

Il punto di partenza può essere leggere le proposte avanzata dal Miur ai sindacati nel recente incontro del 3 dicembre

Mobilità 2016: Miur prevede 3 fasi. Su scuola per 0 e A, nazionale per assunti fino al 2014. Per neoimmessi fasi B e C nazionale da GaE e regionale per GM

Te ne renderai conto leggendo, la "sicurezza" di alcuni colleghi della fase C per il Miur non è così scontata.

Abbiamo analizzato le proposte del Miur in questo articolo

Mobilità 2016/17: analisi delle 3 fasi previste dal Miur. Fase B e C: domanda facoltativa o obbligatoria?

La risposta della CGIL a nostro parere è incompleta, in quanto, come la legge stessa impone, e come il Miur sta già programmando, occorrerà operare una distinzione tra assunti in fase B e C da GM e da GaE.

Pertanto, come vedi la situazione è ancora oggetto di dibattito, in ogni caso il trattamento di immessi in fase B e C da GaE dovrà essere, nel rispetto della legge 107/2015, lo stesso. Un problema diverso si pone invece per chi è stato assunto da GM.

OrizzonteScuola non mancherà di aggiornarvi costantemente, il prossimo incontro sulla mobilità è previsto per lunedì 14 dicembre.

Posted on by nella categoria Mobilità
Versione stampabile
ads ads