Neoassunta in fase C: non voglio cambiare provincia

Sono una docente assunta con la fase c. Volevo sapere siccome ho la sede provvisoria nella città dove abito e non vorrei cambiare, debbo comunque fare la domanda di mobilità? ho rischi di veder sfumare questo posto? Eventualmente dovrei lasciare la sede a chi fa la mobilita’?

risposta – gent.ma, la mobilità 2016/17 si prospetta molto complessa e sindacati e Miur sono al lavoro per cercare di trovare la soluzione migliore, che dia soddisfazione alle esigenze di tutti nell’ambito del rispetto della legge 107/2015. E certamente non è semplice.

Tu chiedi della sede, ma prima di tutto dobbiamo occuparci della provincia.

La legge 107/2015 afferma infatti "

I docenti di cui al comma 96, lettera b), assunti a tempo indeterminato a seguito del piano straordinario di assunzioni ai sensi del comma 98, lettere b) e c), e assegnati su sede provvisoria per l’anno scolastico 2015/2016, partecipano per l’anno scolastico 2016/2017 alle operazioni di mobilita’ su tutti gli ambiti territoriali a livello nazionale, ai fini dell’attribuzione dell’incarico triennale"

Quindi a rigore si prospetta una mobilità a livello nazionale (una domanda simile a quella che hai presentato in estate per le assunzioni).

Come detto, siamo alle fasi iniziali. In questo articolo trovi le proposte del Miur Mobilità 2016: Miur prevede 3 fasi. Su scuola per 0 e A, nazionale per assunti fino al 2014. Per neoimmessi fasi B e C nazionale da GaE e regionale per GM

In particolare tu rientreresti nella III fase, ma non avendo detto se sei stata assunta da GaE o da GM è impossibile approfondire di più

"III fase : saranno trattate le assegnazioni definitive delle fasi B e C – GAE- con titolarità sugli ambiti nazionali (per graduatorie di concorso ordinario sarà su ambiti regionali, anche se su questo c’è confusione perchè il resoconto FLCCGIL parla di  blocco triennale per la mobilità verso altra provincia, sia per i docenti assunti in fase zero ed A sia per coloro immessi in ruolo da concorso in fase B o C.)"

Mobilità volontaria o obbligatoria?

Abbiamo dimostrato in questo articolo come tale questione sia ininfluente, se il Miur dà seguito a quanto prospettato

Mobilità 2016/17: analisi delle 3 fasi previste dal Miur. Fase B e C: domanda facoltativa o obbligatoria?

E anche quando venisse mantenuta la provincia, in ogni caso la scelta della sede nella quale attribuire la titolarità (che non sarà più su sede, ma su ambito territoriale

Ambiti territoriali ruoli e mobilità 2016/17: ecco come saranno formati. Linee guida del Miur) d

deve passare sempre dalla domanda di mobilità.

Come vedi la situazione è ancora complicata, e sarà oggetto di altre riunioni al Miur. La prossima è prevista per lunedì 14 dicembre.

Posted on by nella categoria Mobilità
Versione stampabile
ads ads