Il docente in ruolo con sede definitiva che non partecipa alla mobilità 2016/17, mantiene la titolarità nella scuola

Luca – Gent.mi, scrivo per un quesito che non ho trovato nel vostro spazio dedicato alle consulenze. Un docente già da tempo in ruolo, che non intenda mai inoltrare domanda di trasferimento, rimane per sempre nella sua sede di titolarità o ogni 3 anni è soggetto a far rinnovare il proprio incarico da parte del dirigente scolastico, con il rischio di finire anche lui negli ambiti territoriali semmai suddetto incarico non fosse rinnovato? Ringrazio per la cortesia e saluto calorosamente.

Giovanna Onnis – Gentilissimo Luca,

il docente in ruolo con scuola di titolarità che non presenta domanda di trasferimento manterrà inalterata la sua titolarità e non sarà coinvolto negli ambiti territoriali e negli incarichi triennali che  il dirigente scolastico dovrà conferire ai docenti titolari nell’ambito che hanno presentato candidatura nella scuola.

Questo è quanto si evince dal comma 73 della legge 107 dove si stabilisce che “Il personale docente già assunto in ruolo a tempo indeterminato alla data di entrata in vigore della presente legge conserva la titolarità della cattedra presso la scuola di appartenenza”.

Chiaramente ciò risulterà valido se nella scuola di titolarità non si registra una contrazione in organico che potrebbe determinare l’esubero del docente che, come soprannumerario verrebbe coinvolto negli ambiti territoriali

Ulteriori conferme, comunque, dovranno essere fornite nel CCNI 2016/17 per la cui definizione sono ancora in corso gli incontri tra sindacati e MIUR

Posted on by nella categoria Mobilità, Riforme
Versione stampabile
ads ads