Mobilità 2016/17: docente con disabilità personale e precedenza articolo 21 e 33 della legge 104/92

Daniela – Sono una insegnante di matematica e scienze (cdc A059) assunta a tempo indeterminato dal 1.09.2013 dopo aver vinto il concorso del 2012. La mia sede di titolarità è sita a circa 100 Km dal mio comune di residenza. Preciso che la sede di titolarità è sita in una provincia diversa da quella di residenza. In data 9.10.2015 mi è stata riconosciuta l’invalidità con totale e permanente inabilità lavorativa: 100 % e la situazione di gravità. Posso far valere il diritto di essere trasferita alla sede di lavoro più vicina possibile al proprio domicilio, riconosciuto ai lavoratori con lo stato di handicap grave come previsto dall’art.33 comma 6 della legge 104/1992, pur essendo iniziato l’anno scolastico? Se si come devo procedere? Grazie per la disponibilità. Distinti saluti

Giovanna Onnis – Gentilissima Daniela,

potrai fa valere il tuo diritto e la precedenza che ti spetta nel trasferimento su una sede più vicina al tuo domicilio, in base agli articoli 21 e 33 della legge 104/92, a decorrere dal prossimo anno scolastico.

Per il corrente anno scolastico, iniziato ormai da tre mesi, non puoi fare richieste relative alla sede di servizio, dovrai prestarlo infatti nella scuola in cui sei titolare e avrai diritto, comunque ad usufruire dei permessi previsti nei commi 2 e 3 dell’art.33, come specificato dal comma 6 del citato articolo.

Ti ricordo che, in base alla legge 107, la mobilità per il prossimo anno scolastico sarà negli ambiti territoriali, dai quali risulteranno esclusi solo i neo-immessi in ruolo in fase 0 e in fase A.

Quindi, se ciò verrà confermato in sede di contrattazione ed indicato esplicitamente nel CCNI sulla mobilità 2016/17, nella domanda di trasferimento dovrai indicare tra le preferenze non specifiche scuole, ma ambiti territoriali.

La tua precedenza dovrebbe essere valutata in sede di trasferimento nell’ambito in cui è inserito il tuo comune di residenza.

Anche questo però è ancora ipotetico e si aspettano conferme, mentre dovrebbe essere più certa la precedenza per l’attribuzione dell’incarico triennale da parte del dirigente scolastico nella scuola del tuo comune dove presenterai la tua candidatura dopo aver ottenuto trasferimento nell’ambito.

Questa è, infatti, l’unica precedenza menzionata nella legge 107, dove nel comma 79 si stabilisce che per l’assegnazione della sede varranno le precedenze della legge 104, articolo 21 e 33, comma 6, di conseguenza i docenti con disabilità personale avranno la priorità nella sede presso cui invieranno il curriculum:

A decorrere dall’anno scolastico 2016/2017, per la copertura dei posti dell’istituzione scolastica, il dirigente scolastico propone gli incarichi ai docenti di ruolo assegnati all’ambito territoriale di riferimento, prioritariamente sui posti comuni e di sostegno, vacanti e disponibili, al fine di garantire il regolare avvio delle lezioni, anche tenendo conto delle candidature presentate dai docenti medesimi e della precedenza nell’assegnazione della sede ai sensi dell’articolo 21 e dell’articolo 33, comma 6, della legge 5 febbraio 1992, n. 104.”

Posted on by nella categoria Mobilità, Riforme
Versione stampabile
ads ads