Ecco come un non docente abilitato ha dovuto cedere il posto ad un non abilitato per effetto assunzioni fase C

Laura – Gentilissimi, sono una abilitata TFA secondo ciclo sulle classi A043/ A050.

Vorrei sottoporvi la mia storia:

– 22 settembre 2015: prendo servizio su una cattedra A043 di 8 ore fino ad avente diritto.

La cattedra è della vicepreside (e dunque è libera per semiesonero del vicario del preside). Mi viene detto subito che la cattedra verrà “messa sul mercato” della fase C ma che, se nessuno della fase C la sceglierà, rimarrà a me.

– 30 novembre 2015: arriva il fatidico giorno dell’assegnazione delle cattedre della fase C.

La mia cattedra non è stata “messa sul mercato” come cattedra A043, bensì è presentata come (accorpata con un’altra, sempre di A043) una A051 di un liceo (che chiamerò X). Cioè (se ho capito bene): chi prende questa cattedra passerà a ruolo sulla A051 e, pur lavorando, per quest’anno, su due cattedre A043, tale lavoro gli vale come se insegnasse su una A051.

Qualcuno (dalle Gae) sceglie questa cattedra “ibrida”. Ma ha deciso di rimandare la presa di servizio a settembre.

– 30 novembre 2015: il mio contratto si interrompe.

– 4 dicembre 2015: a questo punto il liceo X bandisce, nella sua graduatoria di istituto, la “falsa” A051 (costituita, appunto, da due spezzoni sulla A043) come supplenza fino al 30 giugno. Dunque la mia cattedra, pur essendo una A043, ha cambiato, per effetto della fase C, classe di concorso e si è trasformata in una A051.

Ovviamente a me non arriva neppure la convocazione, visto che non sono nella graduatoria della A051 di quel liceo.

– 7 dicembre 2015: il mio contratto si interrompe. Prende servizio al mio posto, fino al 30 giugno una collega proveniente dalla terza fascia della A051 del liceo X. La collega non è abilitata e non ha mai insegnato alle medie.

Conclusione: un non abilitato scalza un abilitato. Mi chiedo: è costituzionale tutto ciò?

Grazie per la cortese attenzione, molti saluti

risposta – posta così, la situazione è senz’altro paradossale. Ma non si sarebbe dovuti arrivare a questo punto, i sindacalisti del territorio avrebbero dovuto vigilare sulla composizione delle cattedre. Alla base c’è il cattivo lavoro dell’Ufficio Scolastico (e di chi è preposto a vigilare), non le assunzioni di fase C.

Posted on by nella categoria Supplenze
Versione stampabile
ads ads