L’assenza per malattia va comunicata a scuola non oltre l’inizio dell’orario di lavoro

Giusy – Cara Lalla, un docente può ricevere una sanzione disciplinare per non aver comunicato telefonicamente la malattia ma averlo fatto invece via fax con l’invio del certificato medico quasi due ore di anticipo rispetto al proprio orario di lavoro e con una ricevuta di ritorno che attesta che il fax è arrivato? Grazie.Cordialmente

risposta – gent.ma Giusy, il tuo quesito va letto alla luce dell’art. 17 comma 10 del CCNL

"10. L’assenza per malattia, salva l’ipotesi di comprovato impedimento, deve essere comunicata all’istituto scolastico o educativo in cui il dipendente presta servizio, tempestivamente e comunque non oltre l’inizio dell’orario di lavoro del giorno in cui essa si verifica, anche nel caso di eventuale prosecuzione di tale assenza"

Per "non oltre l’inizio dell’orario di lavoro" non si intende certo l’orario giornaliero di ciascun docente o ATA (ti immagini il caos nelle scuole?), ma l’orario in cui hanno iniziato le attività a scuola.

Di solito la comunicazione avviene per via telefonica, accertandosi che a riceverla siano

  • la segreteria scolastica, per gli adempimenti burocratici, infatti le scuole devono trasmettere giornalmente i dati per l’attivazione delle visite fiscali, se lo ritengono necessario. Il certificato medico sarà poi inviato dal medico stesso on line
  • la presidenza, per le eventuali sostituzioni, che vanno decise per tempo

L’importante è comunicare l’assenza nei tempi stabiliti dal CCNL.

Si può derogare a tale indicazione solo per comprovato impedimento.

Non stai a noi dirti se non aver ottemperato a quanto richiesto dal CCNL debba essere oggetto di sanzione disciplinare. Sull’argomento "potere dei dirigenti scolastici nell’infliggere sanzioni disciplinari" si sta formando una vera e propria letteratura.

Sanzioni disciplinari. I Presidi non possono sospendere i docenti

Sanzioni disciplinari per gli insegnanti: quali sono e quando il Preside può sospendere lo stipendio fino a 10 giorni

Annullata sanzione disciplinare a docente: no a presidi “sceriffo”

Sanzioni disciplinari: le finalità del decreto Brunetta e la particolarità della scuola

Posted on by nella categoria Assenze
Versione stampabile
ads ads