Supplenze: un posto al 31 agosto può diventare stabile per 3 anni?

Daria – Gentile redazione, è vero che chi ha avuto la "fortuna" di avere un incarico fino al 31.08.2016 residuo della fase C lavorerà per tre anni nell’istituto comprensivo? Grazie. Una precaria delle G.I

Lalla – ritengo che tutti abbiamo superato da tempo l’età delle favole. Da adulti però ci vengono in aiuto le leggende e i falsi miti. Quella che tu mi racconti è una di queste.

No, non è vero. Il docente che dovesse ricevere da graduatoria ad esaurimento o da graduatoria di istituto una supplenza (al 30 giugno o al 31 agosto non ha importanza), vedrà rescindersi il contratto esattamente in quella data. Nulla è stato modificato nell’assegnazione delle supplenze dalla legge 107/2015.

D’altronde neanche i neoassunti, in qualsiasi fase, hanno ancora certezza della loro sede, sarà essa definitiva o per un incarico triennale.

D’altronde, se quello che tu indichi è un posto non utilizzato dalla fase C perchè non c’erano più aspiranti in graduatoria, esso il prossimo anno potrà essere utilizzato per le operazioni di mobilità e immissioni in ruolo, come spiegato in questo articolo. D’altronde l’obiettivo è quello di diminuire la supplentite, non di renderla stabile.

16.000 posti residui da fasi B e C saranno disponibili per mobilità e immissioni in ruolo 2016/17

Posted on by nella categoria Supplenze
Versione stampabile
ads ads