Domanda di trasferimento 2016/17 e disabilità personale: sarà sempre possibile indicarla come precedenza?

Filomena – Sono un docente in ruolo da 15 anni nella scuola superiore secondo
grado. La mia cattedra é in provincia di Alessandria mentre io vivo a Torino.Sono 3 anni che provo a chiedere il trasferimento senza risultato, e sono 3 anni che mi danno l’assegnazione provvisoria a Torino.Ti scrivo per chiederti cosa devo fare per inserire nella domanda di trasferimento una patologia alla colonna vertebrale attualmente molto fastidiosa. Ti chiedo questo in quanto poiché la domanda di trasferimento si fa online non riesco a capire come far presente questa problematica. Grazie per l’attenzione Cordialmente

Giovanna Onnis – Gentilissima Filomena,

non è mai stato possibile indicare nella domanda di trasferimento particolari problematiche personali, inserendo specifiche patologie di cui si è affetti.

Se la normativa sulle precedenze previste per la mobilità non subirà modifiche per il prossimo anno scolastico, potresti indicare, esclusivamente a titolo volontario, la tua patologia in autocertificazione, ma non ti servirebbe a niente se questa non rientra nella precedenza prevista nell’art.7 comma 1 parte III del CCNI 2015/16 relativa al “Personale con disabilità e personale che ha bisogno di particolari cure continuative” che risulta beneficiario della legge 104/92 art.21 e 33.

Se sei beneficiario di questa precedenza, delle quale si parla anche nel comma 79 della legge 107, avrai presumibilmente la possibilità di indicarla nella domanda barrando la specifica casella, senza entrare nel merito della patologia

Non si hanno, però, ancora notizie sulle precedenze per la mobilità 2016/17 e su come dovranno essere indicate nella domanda, quindi è necessario aspettare gli esiti della contrattazione tra sindacati e MIUR con la pubblicazione del CCNI 2016/17 dove saranno sicuramente fornite risposte esaurienti al tuo quesito

Posted on by nella categoria Mobilità, Riforme
Versione stampabile
ads ads