Supplenze: il pagamento delle vacanze dipende dalla durata di assenza del titolare. Chiarimenti per il Dirigente

Dirigente Scolastico – Nella nostro istituto è assente per malattia una docente di Scuola secondaria di I grado dal 15 settembre 2015. Al suo posto prestano servizio, ciascuno per 6 ore settimanali,  tre docenti a tempo determinato che avevano diritto al completamento d’orario. L’ultimo periodo di malattia richiesto dalla titolare va dal 16.12.2015 al 14.01.2016 e quindi si verificano le condizioni previste dall’art. 40 comma 3 del CCNL del comparto scuola (assenza per sette giorni prima e sette giorni dopo l’inizio di un periodo predeterminato di sospensione delle lezioni). Uno dei supplenti però dovrà prestare l’ultimo giorno di servizio in data 11.01.2016. Come si deve comportare l’ufficio? La supplenza fino al giorno 14.01.2016 va conferita a tutti e tre i sostituti, tenendo quindi in considerazione solo la durata dell’assenza della titolare, oppure è necessario che anche i docenti a tempo determinato prestino servizio per sette giorni dopo l’interruzione delle lezioni? Ringraziamo per il prezioso contributo che vorrete darci e porgiamo cordiali saluti.

Paolo Pizzo – Gentile Dirigente,

l’art 40/3 citato dispone che “qualora il docente titolare si assenti in un’unica soluzione a decorrere da una data anteriore di almeno sette giorni all’inizio di un periodo predeterminato di sospensione delle lezioni e fino a una data non inferiore a sette giorni successivi a quello di ripresa delle lezioni, il rapporto di lavoro a tempo determinato è costituito per l’intera durata dell’assenza…”

La norma fa quindi esplicito riferimento alla durata dell’assenza del titolare. L’incipit è infatti molto chiaro: qualora il docente titolare si assenti…

Pertanto le condizioni della continuità della supplenza si verifica per tutti e tre i docenti.

Posted on by nella categoria Supplenze
Versione stampabile
ads ads