Trasferimento o passaggio di ruolo per docente assunto nell’a.s. 2012/13: si prevedono differenze per preferenze e possibile titolarità

Nanda – Gentile Redazione, sono una docente delle medie entrata in ruolo nel 2012. Quest’anno vorrei inoltrare domanda di trasferimento e di passaggio di ruolo alle superiori. La scelta delle sedi cui trasferirmi potrà comprendere sia il comune di Milano, dove risiedo, che la provincia di Milano? Inoltre, qualora ottenessi il trasferimento o il passaggio di ruolo, la nuova sede sarebbe vincolata ad un triennio oppure sarebbe definitiva? Grazie .

Il docente neo-immesso è su sede provvisoria, per la sede definitiva deve presentare domanda di trasferimento

Tina – Chiedo gentilmente di sapere se, data l’assunzione nella fase A nel
corrente anno scolastico per la classe di concorso A060 e nella provincia
di Varese, posso confermare come definitiva la scuola scelta al momento
del l’immissione in ruolo o e’ necessario chiedere il trasferimento presso
altra sede. Grazie

Congedo parentale e termini di preavviso

Francesca –  Buonasera. Sono una docente  classe A019 con contratto a tempo determinato fino al 30 giugno. Avrei. bisogno di alcuni chiarimenti : ho preso servizio il 21 e 22 dicembre  2015 ,dal 7 gennaio mi sono assentata 15giorni per malattia personale. Successivamente ho inviato certificato di malattia bimba (età 1anno) della durata di 30 giorni. volevo sapere se al termine della malattia Della bimba posso chiedere, con preavviso di almeno cinque giorni, il  congedo parentale oppure se avrei dovuto chiederlo prima di inoltrare la malattia. In sintesi c è un ordine da seguire ? Purtroppo su Internet si leggono tante cose e spesso si fa confusione sui nostri diritti di genitori… ringrazio e porgo distinti saluti.

Passaggio di ruolo per l’a.s. 2016/17: titolarità su scuola o incarico triennale?

Patrizia – Sono un’insegnante di scuola dell’Infanzia da 29 anni e da tempo faccio domanda di passaggio alla scuola Primaria avendo superato un concorso anche per questo ordine di scuola. Non ho mai avuto il passaggio e quest’anno ci sono alcune novità che mi rendono insicura. Vorrei cortesemente sapere :
1- Posso chiedere la scuola dove vorrei andare?
2- Cosa succede se non ottengo il passaggio?
3- Se ottengo il passaggio sarà per 3 anni? E poi?
Grazie

Mobilità 2016/17 e titolarità per docente in ruolo dall’a.s. 2011/12. Chiarimenti

Priscilla – Vorrei innanzitutto ringraziarvi per la consulenza e i consigli che ogni giorno riceviamo noi insegnanti sempre in balia di novità assurde, specie in quest’ultimo periodo di “Buona Scuola”. Sono un’insegnante di Scuola Secondaria di I grado entrata di ruolo sul sostegno nell’anno 2011. La mia classe di concorso specifica é la A043 . Avendo superato quest’anno il vincolo quinquennale di permanenza sul sostegno vorrei provare a fare il passaggio di ruolo su materia. La mia mobilità in quale fase rientrerebbe? Nel caso di mobilità provinciale ed interprovinciale? In ambito provinciale avrei la possibilità di indicare le sedi delle scuole, ma posso inserirne solo una, la mia di titolarità o si é obbligati a segnare ulteriori preferenze? Grazie distinti saluti

Non assegnazione della supplenza alla dipendente al 6° mese di gravidanza

Scuola – ad aspirante inclusa nelle graduatoria di collaboratore scolastico, in gravidanza al 6° mese, è stata negata una supplenza breve in plesso di scuola primaria adducendo eventuali rischi per contatti con bambini, la stessa avrebbe comunque avuto diritto alla supplenza? grazie per la vs preziosa collaborazione un saluto cordiale segreteria amm.va.

Normativa di riferimento per il pensionamento forzato

Dirigente Scolastico  – Si prega di fornire un cortese riscontro al quesito in allegato. Si chiede di conoscere se la docente può essere collocata a riposo d’ufficio avendo superato i 65 anni di età e con più di 20 anni di contribuzione. Inoltre si prega di indicare, anche attraverso un prospetto esemplificativo, in quali casi i Dirigenti Scolastici devono collocare a riposo il personale scolastico d’ufficio.

Pensione di vecchiaia per il prossimo triennio 2016/2018

Laura  – Mi chiamo Laura sono una collaboratrice scolastica che dovrebbe andare in pensione di vecchia nell’agosto del 2017.essendo nata il 21 gennaio 1951. Ora sono molto preoccupata perchè sono stati aggiunti 4 mesi, questo per me significherebbe un anno di più cioè il 2018. Vorrei chiedere se è vero e poi se eventualmente si potrebbe uscire con una penalizzazione di 4 mesi nell’agosto del 2017. Confido in una vostra risposta e vi ringrazio anticipatamente.

Recupero del servizio pre-ruolo

Docente  – Sono un docente a tempo indeterminato di scuola secondaria di II grado, passato di ruolo il 01/09/2006. All’atto della ricostruzione della carriera (15 anni di pre-ruolo) mi sono stati riconosciuti 11 anni e 4 mesi di servizio, per cui non mi sono stati riconosciuti 44 mesi di servizio (come d’altronde prevede la legge). In base all’art. 4 comma 3 del DPR 399 del 23/08/1988, avendo già compiuto il 16° anno di ruolo (il 01/05/2011), non si dovrebbe di nuovo ricalcolarmi la ricostruzione della carriera per venirmi attribuiti anche i 44 mesi non valutati economicamente nella 1° ricostruzione? La nuova ricostruzione deve essere fatta su domanda (la scuola dice che è automatica)? So che nelle Regioni del nord la nuova ricostruzione viene fatta e riconosciuta (basta fare domanda), al sud invece nessuno o pochissimi conoscono tale normativa. Ringraziandovi anticipatamente vi porgo cordiali saluti.

Pensionamento a domanda con decorrenza 1/9/2018

Nadia    – buon giorno, sono un’insegnante di scuola di secondo grado (nata il2/09/1954); al 31/12/2014 mi è stato calcolato un periodo lavorativo di 37 anni 5 mesi e 9 giorni; vorrei sapere quando potrò andare in pensione, tenuto conto che ho preso un congedo parentale senza assegni negli anni 1991, 1992, 1993, di circa 198 giorni, di cui ho chiesto all’INPS il riscatto un anno fa, ma non ho ottenuto risposta. Se facessi oggi la domanda per l’opzione donna, di quanto verrei penalizzata? E quale potrebbe essere invece la pensione regolare, se non ci saranno cambiamenti? Vi ringrazio moltissimo.

Requisiti previsti per la pensione anticipata per gli uomini

Marcello  – Buongiorno, Sono un docente della scuola secondaria di 1 grado nato il 18/04/1960 e con il conseguimento di 35 anni di servizio al novembre 2015. Essendo stato riconosciuto dall’ inps invalido civile con 80% dal mese di giugno del 2015, desidero sapere quando potrò fare domanda di pensione e quali saranno i diritti economici che avrò maturato all’atto della istanza della domanda. Grazie anticipatamente e cordiali saluti

Pensione di inabilità

Giuseppe  – Vorrei conoscere l’iter da seguire per chiedere la pensione anticipata per motivi di salute avendo già 61 anni di età e quasi 38 anni di contributi. Che penalizzazione avrei sull’ importo mensile della pensione. Distinti saluti.

Raggiungimento del requisito per la pensione anticipata

Giuseppe – Gent.mi consulenti di orizzonta scuola, vorrei informazioni sulla possibilità di pensionamento per me più vicina e vantaggiosa. Nato il 08/11/1955, docente di Scienze Motorie Scuola Secondaria di secondo grado. In ruolo con decorrenza giuridica dal 01/09/84. Riconoscimento pre-ruolo e università di 8 anni. Con l’anno in corso secondo i miei calcoli sino al 31/08/2016 maturo 40 anni di anzianità ( inclusi gli anni del corso di studio universitario). Ho riscattato (totalizzazione) 1anno di contributi di lavoro all’estero A Dicembre 2014 a causa di una coronopatia ostruttiva critica plurivasale sono stato sottoposto a un intervento chirurgico di rivascolarizzazione miocardica. A marzo 2015 dalla apposita Commissione medica operante presso l’Azienda ASL di residenza mi è stata riconosciuta un’invalidità pari al 67%. Vorrei andare in pensione in quanto, essendo insegnante di Scienze Motorie ed essendo la mia salute compromessa,non sono in buone condizione fisica per svolgere la mia professione. Le chiedo quando potrò andare in pensione anticipata, e se è’ necessario che faccia domanda anticipata o sarà il Miur ad invitarmi a produrre i documenti? Ringrazio anticipatamente per la Vs. cortese disponibilità.

Situazioni previdenziali da indicare nei certificati di servizio!

Antonella  – Gentilissimi, sono un’A.A. persa nei meandri delle situazioni previdenziali da indicare nei certificati di servizio!!! Cercando su internet ho trovato tutto e il contrario di tutto, per cui vorrei chiedervi una delucidazione, un’indicazione che mi chiarisca quale codice va inserito per il personale supplente e per il personale di ruolo. Vi ringrazio tantissimo.

Ata. La “natura contrattuale” del rapporto di lavoro per la corretta valutazione del servizio presso Amministrazioni Statali o EE.LL

 

Vitale – Salve, visto il Vostro parere: “può essere valutato come servizio prestato alle dirette dipendenze delle Amministrazioni Statali o EE.LL il servizio prestato tramite agenzia di lavoro interinale presso la provincia”, si chiede se vi fosse qualche precedente giuridico come prova e/o precedente da esibire a chi non la pensa in questo modo. Grazie.

Conseguenze rinuncia ruolo da concorso a cattedra

Insegno in una scuola privata. Vi scrivo per avere, se possibile, un chiarimento sull’imminente concorso: chi lo dovesse passare e non accettare l’entrata in ruolo verrà preclusa anche la possibilità di accedere a supplenze (di qualsiasi durata) nello Stato? Se si rifiutasse la cattedra, ci si preclude per sempre la possibilità di entrare in ruolo nella scuola pubblica?