Il docente che chiede passaggio di cattedra per l’a.s.2016/17 sarà presumibilmente coinvolto negli ambiti territoriali.

Giambattista – Ho letto le informazioni pubblicate riguardo la bozza di accordo tra sindacati e Miur per la mobilità. Le chiedo: il trasferimento con passaggio di cattedra provinciale (intendo il passaggio tra una classe di concorso e un’altra nella scuola secondaria di secondo grado) per assunti prima del 2014/2015, secondo Lei avverrà su ambiti o su scuola? Grazie.

Giovanna Onnis – Gentilissimo Gianbattista,

la contrattazione per la mobilità 2016/17 è ancora in corso e il prossimo incontro è previsto per l’11 gennaio.

Come segnalato da OrizzonteScuola sembra che il MIUR abbia intenzione di chiudere le trattative che porteranno alla stesura dell’ipotesi del contratto di mobilità (da sottoporre poi al vaglio della Funzione Pubblica) entro il mese di gennaio, in modo da poter procedere come di consueto alla presentazione delle domande nel corso del mese di marzo, con l’obiettivo di garantire un regolare inizio del prossimo anno scolastico. Questo intento potrebbe portare a concretizzare le decisioni sulla futura mobilità, in merito anche al tuo quesito, in tempi non “biblici”.

La disposizione prevista nel comma 73 della legge 107 riguardante la mobilità negli ambiti territoriali per tutti i movimenti (territoriali e professionali) relativi al prossimo anno scolastico 2016/17 (esclusi i docenti assunti in fase 0 e in fase A) è stata parzialmente rivista e come evidenziato nell’incontro del 29 dicembre il MIUR ha dimostrato disponibilità a consentire la mobilità secondo le vecchie regole (quindi su scuola e non su ambito) ai docenti assunti in ruolo prima della legge 107.

Questa disponibilità, però, almeno per ora, riguarderebbe solo il trasferimento provinciale e non anche quello interprovinciale e la mobilità professionale.

Questa ipotesi risulterebbe confermata anche dalle anticipazioni di OrizzonteScuola in relazione alla III fase della mobilità

Quindi, in base alle informazioni per ora disponibili e in attesa di conferme definitive che vedremo nella stesura del CCNI 2016/17, il passaggio di cattedra, che è mobilità professionale, avverrebbe negli ambiti territoriali e non su scuole specifiche.

Ti ricordo, inoltre, che per chiedere passaggio di cattedra devi aver superato l’anno di prova nella classe di concorso  di attuale titolarità

Posted on by nella categoria Mobilità, Riforme
Versione stampabile
ads ads