Docente soprannumerario trasferito con domanda condizionata: conserva il punteggio di continuità maturato nella scuola di precedente titolarità

Gregorio – Trasferito l’anno scorso in quanto soprannumerario dalla succursale alla sede centrale, nella prossima graduatoria interna la continuità didattica di circa 15 anni nella sede di servizio ( la succursale) sarà valutata allo stesso modo o in modo diverso ? Ringrazio

Giovanna Onnis – Gentilissimo Gregorio,

se come soprannumerario risulti trasferito a domanda condizionata, anche se sei titolare in un’altra scuola, conservi il punteggio di continuità maturato in 15 anni di servizio continuativo per la stessa classe di concorso nella succursale dove sei stato dichiarato perdente posto.

La domanda condizionata ti consente di continuare a maturare il punteggio di continuità come se il tuo servizio fosse prestato nella scuola di precedente titolarità e questo sarà valido per un ottennio se ogni anno presenterai domanda condizionata.

Questa domanda, inoltre ti garantisce il diritto a rientrare con precedenza nella scuola di ex-titolarità a prescindere dal punteggio, se dovesse ricostituirsi una cattedra.

Quindi nella graduatoria interna potrai valutare il punteggio di continuità di 15 anni e precisamente 2 punti ogni anno entro il quinquennio (2×5=10 punti) e 3 punti ogni anno oltre il quinquennio (3×10=30 punti), per un totale di 40 punti di continuità, tenendo conto che l’anno in corso non si valuta.

Chiaramente questo sarà valido se la normativa vigente nel corrente anno scolastico e i criteri per la valutazione del punteggio nella graduatoria interna saranno confermati in sede di contrattazione per la mobilità 2016/17 e conseguentemente esplicitati nel relativo CCNI

Posted on by nella categoria Graduatorie interne di istituto (docenti di ruolo)
Versione stampabile
ads ads