Pensione di inabilità

Giuseppe  – Gentilmente mi potrebbe dare i riferimenti normativi che consentono la pensione anticipata per motivi di salute? Inoltre qual è l iter burocratico da seguire? Distinti saluti.

FP – Gentile Giuseppe,

in merito alla  pensione di inabilità, in premessa le segnalo che è compito della Commissione Medica di Verifica attestare una inidoneità permanente assoluta ovvero una totale inidoneità fisica a qualsiasi attività lavorativa e di conseguenza avere diritto al trattamento di quiescenza per inabilità al lavoro.

Pertanto il primo step è sottoporsi a visita dinanzi alla Commissione Medica di Verifica, o per sua richiesta o d’ufficio per istanza presentata dall’ Amministrazione.

La pensione per inabilità  viene disciplinata dalla L. 335/1995.

Per ottenere il relativo riconoscimento occorrono i seguenti requisiti:

– riconoscimento di inidoneità assoluta a qualsiasi servizio da parte della Commissione Medica;
– anzianità contributiva di almeno 5 anni, di cui almeno 3 nel quinquennio precedente la decorrenza della pensione di inabilità;
– risoluzione del rapporto di lavoro per cause non di servizio.

Il trattamento pensionistico di inabilità, sarà determinato secondo quanto prescritto dall’art. 2 comma 12 della L. 335/1995.

Nella fattispecie la normativa riconosce un “benefit”, non trascurabile, nel calcolo della pensione.

Infatti la misura dell’assegno sarà determinata:
1) con il sistema retributivo fino al 31/12/2011, indipendentemente dall’ anzianità contributiva posseduta al 31/12/1995, anche se inferiore a 18 anni;
2) con il sistema contributivo dal 1/1/2012.

Posted on by nella categoria Pensioni
Versione stampabile
ads ads