Supplenze ATA: in caso di nuova supplenza fino al 30.06, posso avvalermi dell’art. 60?

Salve, sono una collaboratrice scolastica, ho avuto una supplenza dal 23/11/2015 al 21/12/2015 .La titolare non è rientrata in servizio mandando un certificato dal 22/ 12/2015 al 07/01/2016.quindi la scuola mi ha fatto lavorare il 22/12/2015 e il 07/01/2016.Il giorno dopo la collega ha presentato il nuovo certificato fino al 24 01 2016 quindi so che in questo caso dovrebbero farmi un contratto che va dal 22/12/2015 al 24/01/2016.
La mia domanda è questa: ho ricevuto una email con proposta di contratto fino al 30/06/2016,se lascio la supplenza in corso per accettare l’altra, ho diritto al trattamento giuridico ed economico non essendo ancora trascorsi i 7 giorni dopo le festività.
Ringrazio e saluto.

di Giovanni Calandrino – Gentilissima a parere dello scrivente la risposta è positiva. L’art. 60 comma 1 CCNL 2007 afferma che, qualora il titolare si assenti in un’unica soluzione a decorrere da data anteriore di almeno 7 giorni dall’inizio di un periodo predeterminato di sospensione delle lezioni e fino a una data non inferiore a 7 giorni successivi a quello di ripresa delle lezioni, il rapporto di lavoro a tempo determinato nei riguardi del supplente temporaneo venga costituito per l’intera durata dell’assenza, includendovi, quindi, anche il periodo sospensivo delle lezioni.

L’ARAN ha, poi, successivamente chiarito che la fattispecie si realizza a prescindere da come siano avvenute le modalità di assenza del titolare e cioè sia con unica richiesta di assenza o con più richieste presentate in successione. In relazione a quest’ultima circostanza risulta che il diritto del supplente al pagamento del periodo di sospensione delle lezioni può non rappresentarsi immediatamente all’atto della redazione del primo contratto e, in tali casi, può rendersi necessario provvedere alla contrattualizzazione e alla liquidazione del periodo sospensivo con specifico contratto a parte solo quando vi sia certezza che si siano realizzate le condizioni previste dalle disposizioni in esame.

Pertanto una volta accertato le condizioni necessarie (nel suo caso che l’assenza del titolare prosegua fino a una data non inferiore a 7 giorni successivi a quello di ripresa delle lezioni). La scuola si deve attivare al riconoscimento giuridico-economico dell’intero periodo di sospensione. Indipendentemente della sua nuova proposta lavorativa, infatti, è un suo diritto, lasciare la supplenza breve conferita da graduatorie di circolo e di istituto per accettarne un’altra fino al 30.06.

Rif. Normativo – Art. 7 comma 2 del Regolamento delle supplenze ATA: Il personale, che non sia già in servizio per supplenze di durata sino al termine delle attività didattiche, ha facoltà di risolvere anticipatamente il proprio rapporto di lavoro per accettarne un altro di durata fino al suddetto termine.

Posted on by nella categoria Ata
Versione stampabile
ads ads