Titolarità negli ambiti territoriali: in caso di esubero, nessuna norma finora scritta prevede il licenziamento del docente soprannumerario

Rosa – Sono una docente in ruolo ante 2014 e vorrei quest’anno chiedere il
trasferimento interprovinciale. Se venissero confermati gli ambiti per questa fase dei trasferimenti, mi chiedo se saremmo di fatto licenziabili anche noi “vecchi immessi”. I dubbi sono tanti e le certezze poche. Ipotizzo: nessun ds ti sceglie e l’USR affida un incarico triennale d’ufficio. Se terminati i 3 anni mancassero i posti nell’ambito di territorialità saremmo licenziabili? Nella mia scuola gli RSU sostengono che chiedendo trasferimento e finendo negli ambiti il nostro vecchio contratto non sarà più indeterminato…e su questo argomento vorrei decisamente certezze prima di decidere se spostarmi. Grazie

Giovanna Onnis – Gentilissima Rosa,

come verrà gestita la soprannumerarietà all’interno di un ambito territoriale, per i docenti che avranno titolarità in un ambito e non in una scuola specifica, non si sa ancora, ma da nessuna parte è scritto che questi docenti potrebbero rischiare il licenziamento.

La RSU della tua scuola non dovrebbero sostenere argomenti che non hanno nessuna pezza giustificativa. Solo un esplicito riferimento normativo potrebbe confermare quanto ti hanno detto, ma, fortunatamente, questa norma non esiste.

I docenti soprannumerari, dopo essere stati dichiarati tali, hanno sempre presentato domanda di trasferimento e poteva verificarsi per loro un trasferimento d’ufficio solo se non potevano essere accontentati in nessuna delle preferenze espresse.

Con la titolarità non più in una scuola, ma in un ambito, questa mobilità d’ufficio, in caso di contrazione all’interno dell’ambito di titolarità, potrebbe verificarsi tra ambiti territoriali, senza determinare nessun licenziamento.

Chiaramente non ci sono ancora certezze sull’argomento, considerando che niente è stato detto sulle graduatorie in base alle quali si potrebbero dichiarare perdenti posto i docenti titolari nell’ambito territoriale di riferimento.

Si tratta di una tematica importante che dovrà essere presa in considerazione in sede di contrattazione tra sindacati e MIUR per la definizione del CCNI 2016/17.

Il prossimo incontro è fissato per domani 21 gennaio.

Ribadisco, comunque, che la mancanza di certezze e disposizioni normative specifiche in merito, non consente alla RSU della tua scuola di fornire informazioni sbagliate, dandole per certe.

Io consiglierei di aspettare e verificare cosa verrà stabilito nero su bianco nel prossimo CCNI

Posted on by nella categoria Varie
Versione stampabile
ads ads