Bonus 500 €: niente titoli di viaggio e la convalida delle spese è competenza dei revisori di conti

Ira – Per il bonus di euro 500, fermo restando che non c’è ancora chiarezza nelle possibilità di spesa, è ipotizzabile che venga accettata la spesa sostenuta per biglietti aereo verso il Regno Unito, essendo docente di inglese, e recandomi io stessa ogni estate in Inghilterra per aggiornamento linguistico ma in assenza di attestati? Ed è vero che il DS e il DSGA hanno parte decisionale? Grazie, sempre

Giovanna Onnis – Gentilissima Ira,

come chiarisce la FAQ 11 del MIUR non potrai utilizzare il bonus per l’acquisto di titoli di viaggio anche se si tratta di viaggio per frequentare un corso di aggiornamento all’estero.

11. Si può utilizzare il bonus o parte di esso per l’acquisto di titoli di viaggio per la partecipazione a eventi o per viaggi culturali?

No, potranno essere rimborsati solo i biglietti per le “rappresentazioni teatrali e cinematografiche” e quelli per “l’ingresso a musei, mostre ed eventi culturali e spettacoli dal vivo”.

Potrai utilizzare la somma o parte di essa per pagare un corso per lo studio di una lingua straniera all’estero, purché siano rispettati i requisiti indicati nella FAQ 8 del MIUR:

8. Posso usare il bonus o parte di esso per un corso per lo studio di una lingua straniera all’estero?

Sì, purché il corso venga erogato da uno dei soggetti di per sé qualificati per la formazione nella scuola, ovvero dagli “Enti culturali rappresentanti i Paesi membri dell’Unione Europea, le cui lingue siano incluse nei curricoli scolastici italiani”, ai sensi della Direttiva del Miur 90/2003, art. 1, comma 2.

Per quanto riguarda la rendicontazione il MIUR non ha ancora fornito indicazioni precise

http://www.orizzontescuola.it/news/insegnanti-spendono-bonus-500-euro-ma-sulla-rendicontazione-miur-non-ha-ancora-chiarito

E’, comunque, certo che sul controllo della documentazione attestante la spesa del bonus e sulla sua convalida, DS e DSGA non hanno nessuna voce in capitolo.

Il controllo della documentazione è affidato, infatti, ai revisori dei conti, così come previsto dall’art. 7 comma 3 del D.P.C.M. n° 32313 del 23/09/2015

Posted on by nella categoria Stipendio
Versione stampabile
ads ads