Coordinatore di classe: rientra nelle deleghe del Dirigente e deve essere retibuito

Francesco   – buongiorno, vi scrivo in merito alla figura del coordinatore di classe, Noto in alcuni istituti la dicitura “in base all’art. 5 del dl 165/01″ si nomina un coordinatore di classe in base alle sue competenze esclusive”. vorrei chiedervi, è quindi formulata in questo modo da figura del coordinatore e non attraverso il mero pagamento attraverso la contrattazione?

Paolo Pizzo – Gentilissimo Francesco,

l’art citato nel quesito dispone che Rientrano,  in   particolare, nell’esercizio dei poteri dirigenziali le misure inerenti la gestione delle risorse umane nel rispetto del principio di pari  opportunita’, nonche’ la direzione, l’organizzazione del lavoro  nell’ambito  degli uffici.

Poi, l’art. 25/5 dello stesso decreto prevede che “Nello svolgimento delle proprie funzioni organizzative e amministrative il dirigente può avvalersi di docenti da lui individuati, ai quali possono essere delegati specifici compiti”.

Pertanto la figura del coordinatore di classe o di plesso, come altri incarichi che si hanno nella scuola, non è stabilita precisamente dal nostro ordinamento e non rientra tra i compiti assegnati ai docenti dal Contratto di Lavoro.

In conclusione il dirigente scolastico deve conferire la nomina dell’incarico per iscritto in quanto si tratta di un incarico aggiuntivo come vera e propria delega. In tale nomina devono essere indicate le mansioni che il docente dovrà svolgere e la relativa retribuzione accessoria.

In quanto attività supplementare la retribuzione è infatti necessaria. La stessa dev’essere stabilita nella contrattazione d’istituto.

Posted on by nella categoria Didattica
Versione stampabile
ads ads