Bonus 500 €: la stampante non rientra tra gli acquisti rendicontabili

Federica – Ho acquistato una stampante per lavorare da casa. L’acquisto si e’ reso necessario oltre che per scopi propriamente didattici (preparazione di lezioni, schede individualizzate, verifiche …) anche per svolgere tutte le attività connesse alla funzione docente che sempre più spesso mi ritrovo a completare fuori servizio da casa: compilazione dei PDP, predisposizione registri, tabulazioni, programmazioni, modulistica varia richiesta dai referenti e tanto altro ancora (tra cui anche i materiali della formazione on line che vengono forniti in formato digitale). Volevo sapere se e’ possibile rendicontare nelle 500 euro anche l’acquisto della stampante. Cordiali saluti.

Giovanna Onnis – Gentilissima Federica,

la risposta al tuo quesito è, purtroppo, negativa come chiarisce la FAQ n.2 del MIUR:

La Carta del Docente consente “l’acquisto di hardware”: vi rientrano anche smartphone, tablet, stampanti, toner, cartucce e pennette USB?

La Carta del Docente permette “di sostenere la formazione continua dei docenti e di valorizzarne le competenze professionali” (art. 1, comma 121, legge 107/2015). Di conseguenza, personal computer, computer portatili o notebook, computer palmari, tablet rientrano nella categoria degli strumenti informatici che sostengono la formazione continua dei docenti. Altri dispositivi elettronici che hanno come principale finalità le comunicazioni elettroniche, come ad esempio gli smartphone, non sono da considerarsi prevalentemente funzionali ai fini promossi dalla Carta del Docente, come non vi rientrano le componenti parziali dei dispositivi elettronici, come toner cartucce, stampanti, pennette USB e videocamere.

Quindi anche se la stampante acquistata viene da te utilizzata per scopi esclusivamente didattici, non puoi comunque includere questa spesa nel bonus di 500 € in quanto non ti potrà essere rendicontata

Posted on by nella categoria Stipendio
Versione stampabile
ads ads