Docente in esubero e trasferimento da materia a sostegno con domanda condizionata: non c’è il vincolo quinquennale sul sostegno

Teresa – Sono un’insegnante di scuola Secondaria di II grado, classe di concorso C450 (Metodologie operative nei servizi sociali) vorrei sapere se conseguo il titolo sul sostegno (corso di riconversione per le classi di concorso in esubero) mi obbligano a passare per sempre all’insegnamento del sostegno o dopo un po’ di anni posso ritornare ad insegnare la mia materia che adoro insegnare. In attesa di un suo riscontro le porgo cordiali saluti

Giovanna Onnis – Gentilissima Teresa,

come docente in esubero, in seguito al conseguimento del titolo di specializzazione sul sostegno, potresti chiedere trasferimento sul sostegno con domanda condizionata e non saresti obbligata a rimanere “per sempre” sul sostegno.

Oltre a non avere nessun obbligo per i successivi anni scolastici, per te non sarebbe considerato neanche il vincolo quinquennale sul sostegno e manterresti il diritto a rientrare su posto comune per la tua classe di concorso anche dopo un anno soltanto, se dovessero costituirsi cattedre vacanti per la cdc C450 dove sei attualmente titolare e dove chiederesti di “rientrare” come titolarità.

Questo risulta in sintonia con quanto prevede la normativa in vigore nel corrente anno scolastico e, per ora, non è possibile sapere con certezza se questa verrà confermata per l’anno scolastico 2016/17.

Considerando la volontà espressa dal MIUR di tutelare i docenti soprannumerari in relazione al loro diritto di rientrare con priorità, nell’ottennio, nella sede di precedente titolarità e questi docenti  risultano inseriti nella I fase dei movimenti

http://www.orizzontescuola.it/news/mobilit-201617-si-prospettano-4-fasi-anticipazioni-orizzonte-scuola

si può ipotizzare che anche tu, in seguito a trasferimento da materia a sostegno con domanda condizionata, possa conservare il diritto a rientrare su posto comune senza nessun vincolo temporale.

Quindi personalmente ritengo che, anche per l’a.s. 2016/17, possa essere considerato valido quanto prevede l’art.26 comma 3 del CCNI 2015/17:

Il trasferimento ai posti di tipo speciale, ad indirizzo didattico differenziato e di sostegno comporta la permanenza per almeno un quinquennio a far data dalla decorrenza del trasferimento su tali tipologie di posti. Tale obbligo non si applica nei confronti dei docenti trasferiti a domanda condizionata in quanto soprannumerari da posto comune o cattedra a posto di sostegno o DOS nella scuola secondaria di secondo grado. Pertanto tale personale conserva titolo alle precedenze di cui all’art. 7 punti II) e IV) del presente contratto…”

Chiaramente è un parere personale che richiede conferma che si potrà avere solo in seguito alla pubblicazione del CCNI 2016/17 dove l’argomento dovrà essere chiarito in modo esplicito

Posted on by nella categoria Mobilità, Sostegno
Versione stampabile
ads ads