Passaggio di cattedra: può essere solo a domanda e in mancanza di disponibilità si mantiene invariata la titolarità

Nicola – Sono un vostro lettore affezionato da molti anni e vi ringrazio per il servizio prezioso che ogni giorno offrite. La mia situazione è questa: devo presentare domanda di passaggio di cattedra dalla A050 alla A037 nella stessa provincia in cui presto sevizio; so che dovrei essere inserito nell’ambito territoriale. Il mio dubbio è: l’Ufficio scolastico territoriale è obbligato a inserirmi nell’ambito territoriale richiesto o può rifiutare il mio inserimento qualora ritenga che non ci siano posti sufficienti? Nella mia provincia sono stati assunti una decina di insegnanti sulla A037 nella fase C. Grazie.

Giovanna Onnis – Gentilissimo Nicola,

la domanda di passaggio di cattedra per essere accolta richiede la disponibilità di cattedre per la classe di concorso richiesta, in una delle sedi richieste. In assenza di tale disponibilità non potrai ottenere il movimento richiesto in quanto non esiste il passaggio di cattedra d’ufficio.

Come è stato prospettato dal MIUR e prontamente pubblicato da OrizzonteScuola, anche se rimaniamo in attesa di conferme definitive, la mobilità professionale dovrebbe essere negli ambiti territoriali e rientrerebbe nella III fase dei movimenti nel limite del 30% delle disponibilità assegnate alla seconda fase.

La disponibilità di cattedre viene valutata nell’organico dell’autonomia delle scuole facenti parte di un ambito territoriale, quindi dovrebbero essere considerate le disponibilità sull’organico di diritto e sull’organico di potenziamento.

Non si hanno ancora notizie, però, su come potranno essere espresse le preferenze nella domanda di mobilità e non si sa se i docenti avranno la possibilità di optare per posti sull’organico di diritto oppure per posti sull’organico di potenziamento

In ogni caso, se non ci fosse disponibilità di cattedre vacanti in nessuno degli ambiti territoriali da te richiesto, avendo una tua sede di titolarità, non otterrai il passaggio richiesto e rimarrai nella scuola dove attualmente risulti titolare di cattedra

Posted on by nella categoria Mobilità, Riforme
Versione stampabile
ads ads