Permessi per esami del TFA. Chiarimenti per la scuola

Scuola – Buongiorno, vorremmo sapere se un’insegnante supplente temporanea che deve sostenere degli esami per poter accedere a piu’ classi di concorso agli esami del TFA ha diritto al congedo e se il medesimo e’ retribuito o  se piuttosto deve recuperare le ore impiegate per l’ esame. Si ringrazia per l’attenzione. Cordiali saluti.

Paolo Pizzo – Gentile scuola,

L’art. 19 comma 1 del CCNL comparto Scuola prevede che al personale assunto a tempo determinato, al personale di cui all’art. 3, comma 6, del D.P.R. n. 399 del 1988 e al personale non licenziabile di cui agli artt. 43 e 44 della legge 20 maggio 1982 n. 270, si applicano, nei limiti della durata del rapporto di lavoro, le disposizioni in materia di ferie, permessi ed assenze stabilite dal presente contratto per il personale assunto a tempo indeterminato, con le precisazioni di cui ai successivi commi.

Il comma 7 prevede che “Al personale docente, educativo ed ATA assunto a tempo determinato, ivi compreso quello di cui al precedente comma 5, sono concessi permessi non retribuiti, per la partecipazione a concorsi od esami, nel limite di otto giorni complessivi per anno scolastico, ivi compresi quelli eventualmente richiesti per il viaggio”.

Possono essere quindi fruiti fino a 8 gg, anche per gli esami di cui al quesito, senza però retribuzione.

 

Posted on by nella categoria Permessi e aspettative
Versione stampabile
ads ads