Normativa di riferimento per il pensionamento forzato

Dirigente Scolastico  – Si prega di fornire un cortese riscontro al quesito in allegato. Si chiede di conoscere se la docente può essere collocata a riposo d’ufficio avendo superato i 65 anni di età e con più di 20 anni di contribuzione. Inoltre si prega di indicare, anche attraverso un prospetto esemplificativo, in quali casi i Dirigenti Scolastici devono collocare a riposo il personale scolastico d’ufficio.

FP – Gentile Dirigente Scolastico,

in riferimento alla richiesta, in premessa le segnalo quanto previsto dalla normativa di riferimento per il pensionamento forzato.

Il pensionamento coatto può avvenire per: a) età anagrafica; b) anzianità contributiva.

Il pensionamento coatto per raggiunti limiti di età (punto a), con decorrenza 1/9/2016, si ha quando:

A) entro il 31/8/2016 (dal 01/09/2015) si compie 65 anni, ed in possesso al 31/12/2011 dei requisiti vigenti prima della riforma Fornero.

Si indicano, per completezza di informazione, i requisiti “pre-Fornero”:

1) quota 96 (60/36 o 61/35);
2) 40 anni di contributi;
3) pensione di vecchiaia con 65 anni di età per gli uomini e 61 anni di età per le donne con un minimo di 20 anni di contribuzione o 15 di contributi se in servizio prima del 31/12/1992.

B) entro il 31/8/2016 66 anni e 7 mesi di età.

Pertanto il caso in esame rientra nella casistica indicata al punto A, ovvero compie 65 anni entro il 31/8/2016
– dopo l’ 1/9/2015 (06/11/2015) – e contemporaneamente soddisfa il requisito per la pensione di vecchiaia al 31/12/2011 – punto A.3.

Posted on by nella categoria Pensioni
Versione stampabile
ads ads