Domanda di trasferimento non soddisfatta: per il docente rimane invariata la scuola di titolarità

E.D. – Sono un’insegnante di scuola Primaria e vorrei chiedere trasferimento
interprovinciale dal Veneto in Basilicata. Sono in ruolo dal 2007. Se non ottengo il trasferimento, resto titolare nella scuola in cui sono ora, nella mia classe? O in che condizione mi troverei? Grazie

Giovanna Onnis – Gentilissima E.D.,

il fatto di presentare domanda di trasferimento, nel tuo caso interprovinciale, non determina e non ha mai determinato una modifica nella titolarità o comunque particolari conseguenze su questa, se il movimento richiesto non viene ottenuto.

Quindi come docente in ruolo dall’anno scolastico 2007/08 potrai partecipare alla mobilità interprovinciale nella II fase (chiamata anche fase B) con preferenze negli ambiti territoriali, così come chiarisce bene questa sintesi pubblicata da OrizzonteScuola.

Se otterrai il movimento richiesto la tua titolarità potrà essere ancora su scuola specifica solo se sarai soddisfatta nel primo ambito richiesto, all’interno del quale potrai scegliere le scuole nel numero e nell’ordine che vorrai.

Se otterrai, invece,  il trasferimento in uno degli altri ambiti richiesti (dalla seconda preferenza in poi) la tua titolarità non sarà su scuola ma nell’ambito.

Se, invece, non otterrai il trasferimento richiesto, manterrai invariata la titolarità attuale senza nessuna conseguenza e nessun coinvolgimento negli ambiti territoriali

Posted on by nella categoria Mobilità
Versione stampabile
ads ads