Trasferimento interprovinciale per docente in ruolo dall’a.s. 2013/14: si potrà chiedere un solo ambito con titolarità su scuola

Sono entrata in ruolo nel 2013 sostegno scuola media e con questo anno supero il
vincolo triennale per la mobilità interprovinciale. Sarei interessata a fare domanda di mobilità interprovinciale sempre per lo stesso ordine e nel sostegno per ricongiungimento al coniuge e al figlio di 4 anni, la mia domanda è questa:


1. posso indicare solo come prima scelta del primo ambito territoriale la scuola del comune di residenza del mio nucleo familiare, considerando che non mi interessano altre scuole?
2.se nella scuola che indico, non ci fosse posto, posso mantenere la titolarità
nella mia attuale scuola senza essere danneggiata dagli ambiti territoriali?
Grazie

Giovanna Onnis – Gentilissima professoressa, la risposta è affermativa per ambedue le domande.

1 – La tua domanda di trasferimento interprovinciale è volontaria e non hai nessun obbligo in relazione alle preferenze che dovrai esprimere.
Considerando le novità prospettate in sede di contrattazione, così come indicate da OrzzonteScuola, il trasferimento interprovinciale per i docenti, come te, assunti entro l’a.s. 2014/15, sarà negli ambiti territoriali, ma ci sarà per loro la possibilità di acquisire titolarità in una scuola specifica solo se saranno trasferiti nel primo ambito richiesto.
Quindi per avere questa garanzia di titolarità su scuola e non su ambito potrai, sicuramente esprimere solo una preferenza d’ambito e al suo interno potrai scegliere anche solo una scuola se è l’unica dell’ambito che ti interessa per il trasferimento

2 – Sicuramente, non ottenendo il trasferimento richiesto rimarrai nella scuola di attuale titolarità senza nessun coinvolgimento negli ambiti territoriali. Ti informo che questa non è una novità perché è sempre stato così, nel senso che il solo fatto di presentare domanda di mobilità, senza poi ottenerla, non ha mai determinato modifiche nella titolarità del docente

Posted on by nella categoria Mobilità, Riforme
Versione stampabile
ads ads