Precedenza per coniuge militare trasferito d’ufficio. Chiarimenti

Giuseppina   – In riferimento  al nuovo contratto che si sta delineando per la mobilità del personale docente si chiede un chiarimento in riferimento all’eventuale possibilità di ottenere precedenza per i coniugi di militari o categoria equiparata:per fare chiarezza quali le categorie equiparate?Ad oggi che cosa ha significato per la categoria docente ottenere la precedenza?Tale eventuale precedenza sarebbe eventualmente attuabile per quale tipo di mobilità( provinciale , interprovinciale ..tutte e 4 le fasi previste dal nuovo contratto ) o anche per ottenere solo assegnazione provvisoria?

Paolo Pizzo –  Gentilissima Giuseppina,

nulla è cambiato per la precedenza di cui al quesito se non la definizione della fase in cui tale precedenza opera in base alle nuove FASI (4) del nuovo contratto.

Tale precedenza, la VI in ordine di priorità, dispone che

In base al disposto dell’art. 17, legge 28.07.1999 n. 266 e dell’art. 2, legge 29/03/2001 n. 86, il personale scolastico coniuge convivente rispettivamente del personale militare cui viene corrisposta l’indennità di pubblica sicurezza e che si trovi nelle condizioni previste dalle citate norme, ha titolo, nell’ambito della fase dei trasferimenti intercomunali, alla precedenza nel trasferimento ai comuni richiesti a condizione che la prima preferenza espressa nel modulo domanda si riferisca alla sede nella quale è stato trasferito d’ufficio il coniuge, ovvero abbia eletto domicilio all’atto del collocamento in congedo, in mancanza di istituzioni scolastiche richiedibili, al comune viciniore. Analoga precedenza è loro riconosciuta, nella fase dei trasferimenti interprovinciali ai fini del trasferimento nella provincia ed alle sedi residue dopo i trasferimenti nell’ambito di tale provincia. Tale precedenza, pertanto, non si applica ai movimenti comunali della fase A dei trasferimenti ed alla mobilità professionale.

Tale precedenza quindi non opera solo per la fase Comunale, mentre opera nelle altre fasi comprese tutte quelle interprovinciali. Non opera però nei passaggi di cattedra e di ruolo.

Qui l’art 17 di cui sopra.

Qui l’art 2 di cui sopra.

Posted on by nella categoria Mobilità
Versione stampabile
ads ads