Docente trasferito su una COE e assorbimento automatico su una COI negli anni successivi. Chiarimenti

Angela – Sono una docente di lettere di ruolo nella scuola secondaria di 1 grado dal 2007. Ho ottenuto tre anni fa il trasferimento su COE nella mia scuola di titolarità. Ho dovuto completare l’orario in altre scuole solo il primo anno, poiché a causa di un’assegnazione provvisoria il secondo anno e un pensionamento nell’anno in corso si sono create le condizioni perché potessi svolgere il mio orario per intero. Avevo chiesto alla dirigente di essere riassorbita su COI , ma mi ha risposto che era in qualche modo “automatico” e che valevano le disposizioni di assegnazione dei docenti alle classi di settembre.

Nella graduatoria d’istituto fra l’altro precedo un collega. Mi è venuto un dubbio , anche perché l’anno prossimo potrebbe ricrearsi una COE. Spetterebbe a me essendo io stata trasferita su COE, oppure, come spero, al collega ultimo nella graduatoria? Cosa devo fare per essere definitivamente assorbita su COI? Devo presentare una richiesta scritta al Dirigente(nel frattempo cambiato)? Potrebbe cortesemente inviarmi i riferimenti normativi? La ringrazio anticipatamente.

Giovanna Onnis – Gentilissima Angela,

il riferimento normativo che chiedi è l’art. 12 del CCNI sulla mobilità.

Come docente trasferita a domanda su una COE potrai essere assorbita in automatico, gli anni successivi, in una COI nella scuola di titolarità, solo a condizione che la cattedra sia priva di titolare, come chiarisce bene il comma 3 del succitato articolo:

“Tali assorbimenti avverranno a condizione che la cattedra, prevista nell’organico, sia priva di titolare. Non sono necessari a tal fine ulteriori provvedimenti da parte dell’ufficio territorialmente competente.”

Quindi negli anni scolastici successivi al trasferimento sulla COE, potrai lavorare nella scuola di titolarità in una COI, se questa cattedra, prevista nell’organico, risulterà priva di titolare.

Se invece non si costituirà una cattedra interna rimarrai sulla COE, anche se nella graduatoria interna per l’individuazione dei docenti soprannumerari occuperai una tra le prime posizioni.

La posizione occupata nella graduatoria d’istituto risulta determinante in caso di COE ex-novo che è una cattedra orario esterna, non presente nell’organico dell’anno precedente, e che si forma in seguito ad una contrazione di ore nell’organico della scuola. Tale contrazione oraria determina, quindi , la necessità di costituire una cattedra con un completamento orario esterno (COE ex-novo).

Questa cattedra dovrà essere assegnata ad uno dei docenti già titolari nella scuola ed in servizio su cattedra interna nel precedente anno scolastico. Questa assegnazione avrà carattere annuale e dovrà avvenire tenendo conto della graduatoria interna d’istituto.

Tale COE sarà, quindi, attribuita al docente che nella graduatoria d’istituto si trova in ultima posizione, fatta eccezione per il caso in cui un altro docente con maggior punteggio ne faccia esplicita richiesta.

Sull’argomento ti invito a leggere l’articolo pubblicato da OrizzonteScuola http://www.orizzontescuola.it/news/cattedra-orario-esterna-quali-regole-lattribuzione-trasferimento-coe-e-coe-ex-novo

Posted on by nella categoria Mobilità, Varie
Versione stampabile
ads ads