Graduatoria interna di istituto: la legge 104 per assistenza familiare consente l’esclusione solo con art.3 comma 3

Giovanna – Gentilissimi, essendo un insegnante soprannumerario che assiste un familiare con handicap ai sensi dell’art.3 comma 1 della legge 104/92, vorrei cortesemente conoscere se il fatto che io assista un soggetto come sopra indicato ha una qualche rilevanza ai fini della graduatoria interna della scuola in termini di attribuzione di un punteggio maggiore o di una precedenza? Vi ringrazio anticipatamente per un solerte riscontro, dovendo io presentare a breve la domanda di docente soprannumerario. Cordiali saluti

Giovanna Onnis – Gentilissima Giovanna,

l’art.3 comma 1 della legge 104/92 non determina nessuna precedenza e non ti permette di essere escluso dalla graduatoria interna di istituto.

Questi diritti, infatti, spettano al docente che assiste un familiare disabile con connotazione di gravità, situazione che deve essere attestata con il riconoscimento dell’art.3 comma 3 della Legge 104.

Puoi trovare conferma di ciò nel CCNI art. 13 comma 1, punti V) in relazione ai requisiti indispensabili per usufruire di precedenza e per poter essere escluso dalla graduatoria interna di istituto.

Per ulteriori dettagli ti invito a leggere l’articolo pubblicato da OrizzonteScuola http://www.orizzontescuola.it/news/graduatoria-interna-istituto-quali-casi-prevista-lesclusione-del-docente-titolare-nella-scuola

Posted on by nella categoria Graduatorie interne di istituto (docenti di ruolo)
Versione stampabile
ads ads