Il docente soprannumerario trasferito a domanda condizionata non perde il punteggio di continuità maturato

Mario – Vorrei capire il calcolo del punteggio di continuità sulle graduatorie  interne. La mia situazione è la seguente: lo scorso anno sono risultato  soprannumerario, ho fatto la domanda di trasferimento condizionata e  sono stato trasferito in altra scuola dello stesso comune; adesso nella graduatoria interna nella nuova scuola mi verranno  riconosciuti gli anni di servizio prestati nella mia ex scuola oppure  solo come anni prestati nella stessa sede?

Giovanna Onnis – Gentilissimo Mario,

il docente soprannumerario trasferito con domanda condizionata non perde il punteggio di continuità maturato nella scuola di precedente titolarità se presenta ogni anno domanda condizionata per il rientro e questo diritto lo conserva per un ottennio.

Quindi nella graduatoria interna della nuova scuola di titolarità, dove sei stato trasferito a domanda condizionata, essendo ancora all’interno dell’ottennio, potrai valutare tutto il punteggio di continuità maturato nella scuola di ex-titolarità conteggiando 2 punti entro il quinquennio e 3 punti oltre il quinquennio.

Non potrai, però, valutare contemporaneamente la continuità nel comune perchè i due punteggi non sono cumulabili per lo stesso anno scolastico.

Per maggiori chiarimenti ti invito a leggere l’articolo di OrizzonteScuola http://www.orizzontescuola.it/news/mobilit-2016-punteggio-continuit-servizio-come-e-quando-si-valuta-differenze-mobilit-e-graduato

 

Posted on by nella categoria Graduatorie interne di istituto (docenti di ruolo)
Versione stampabile
ads ads