Graduatoria interna di istituto: esclusione del docente beneficiario della legge 104/92 titolare su una COE

Antonio  – Gentilissima Redazione di OrizzonteScuola, sono un docente di ruolo da oltre 10 anni che, nel 1 settembre 2015, ha ottenuto il passaggio di cattedra interprovinciale su COE a decorrere dal presente A.S. 2015/2016. Sono beneficiario dell’art.21 della legge 104/92 con una invalidità superiore ai 2/3 (75%) e la mia cattedra consiste di n.16 ore nella scuola di titolarità sita a Roma (comune di residenza) + 2 ore di completamento in un’altra scuola ubicata in un comune limitrofo.

Ho regolarmente presentato istanza di esclusione dalla graduatoria di Istituto e il Dirigente mi ha già anticipato che così sarà, poiché ne posseggo i requisiti. Tuttavia, mi ha detto che, se persisterà la situazione di cattedra con completamento esterno, continuerò a mantenere la COE, a meno che non si proporranno nuove ore e saranno quindi riassorbite le due ore esterne.

Al punto c) del comma 3 dell’art.13 del nuovo CCNI leggo: “In riferimento a quanto previsto al precedente art. 12 comma 18, il diritto all’esclusione dei beneficiari delle precedenze di cui al comma 2 dalla graduatoria per l’attribuzione della cattedra orario esterna costituitasi ex novo, si applica esclusivamente per le cattedre orario costituite tra scuole di comuni diversi (o distretti sub comunali diversi).” Il punto precedente si applica solo al caso delle COE costituite ex novo nel corrente A.S.? Se così fosse, quindi, avrebbe ragione il dirigente? E cosa sarebbe successo se, a causa di contrazione di classi, non vi sarebbe stata nemmeno questa COE? Avrei perso la titolarità? A che sarebbe servita quindi l’esclusione dalla graduatoria interna? Vi ringrazio anticipatamente per l’attenzione e la consulenza,

Giovanna Onnis – Gentilissimo Antonio,

l’esclusione dalla graduatoria interna ha l’obiettivo di salvaguardare la tua titolarità per il prossimo anno scolastico.

Come chiarisce l’articolo di OrizzonteScuola, infatti, in base a quanto stabilisce la normativa nell’art.13 comma 2 dell’ipotesi di CCNI 2016/17, come  docente beneficiario della legge 104/92, hai diritto, in presenza di contrazione nell’organico 2016/17 della tua scuola di titolarità, di non essere dichiarato soprannumerario per il prossimo anno scolastico, a meno che la contrazione di organico non sia tale da rendere strettamente necessario il tuo coinvolgimento.

Questo diritto, però, non determina anche quello di avere l’attribuzione di una COI se sei arrivato nella scuola in seguito a passaggio di cattedra ottenuto su una COE. Non si tratta, infatti, di una COE ex-novo, ma di una COE già esistente nell’organico della scuola e per la quale non si applica la disposizione da te citata  prevista nell’art.13 comma 3 lettera c) del CCNI 2016/17. Per maggiori dettagli ti invito a leggere l’articolo sull’argomento pubblicato da OrizzonteScuola http://www.orizzontescuola.it/news/cattedra-orario-esterna-quali-regole-lattribuzione-trasferimento-coe-e-coe-ex-novo

Quindi ha ragione il dirigente scolastico.

In caso di contrazione in organico con “scomparsa” della COE la tua titolarità, in presenza di altri docenti della tua classe di concorso, sarebbe comunque salvaguardata con possibile attribuzione della COI in quanto nella scuola ci sarebbe un esubero con un docente dichiarato soprannumerario che non saresti tu

Posted on by nella categoria Graduatorie interne di istituto (docenti di ruolo)
Versione stampabile
ads ads