Assegnazione provvisoria su posto di sostegno: non si può chiedere nella scuola di titolarità

Caterina – Sono un insegnante di sostegno scuola primaria e ho presentato per l’anno prossimo il trasferimento sulla comune, sempre scuola primaria. Vorrei sapere, ottenendo il trasferimento sulla comune (quindi essere ultima in graduatoria con assegnazione sicuramente di un plesso disagiato) successivamente posso chiedere anche l’assegnazione provvisoria sul sostegno nello stesso istituto di titolarità? Manterrei la continuità sui casi che attualmente seguo? E infine, da quanto tempo bisogna avere la residenza nel comune dove si vuole chiedere l’assegnazione provvisoria? Grazie

Giovanna Onnis – Gentilissima Caterina,

in seguito a trasferimento su posto comune acquisirai una nuova titolarità che determinerà l’interruzione della continuità su posto di sostegno.

Non potrai sicuramente chiedere assegnazione provvisoria nella scuola di titolarità in quanto non è possibile chiedere AP nel comune in cui si è titolari e, a maggior ragione, nella stessa scuola di titolarità.

Il requisito per poter chiedere AP è il ricongiungimento con un familiare (coniuge o convivente, genitori o figli) nel suo comune di residenza, dove deve risiedere da almeno tre mesi. Ritengo importante chiarire che ciò che conta non è la tua residenza, ma quella del familiare verso il quale chiedi ricongiungimento, tu puoi risiedere anche in un comune diverso.

In ogni caso, ribadisco che non potrai chiedere AP dove sei titolare. Se le regole per il prossimo anno scolastico rimarranno invariate rispetto a quelle in vigore quest’anno, potresti chiedere, invece, utilizzazione sul sostegno nella stessa scuola di titolarità.

Per avere conferma, però, è necessario aspettare la contrattazione integrativa sulla mobilità annuale 2016/17 e la pubblicazione del relativo CCNI

Posted on by nella categoria Sostegno, Assegnazioni/Utilizzazioni
Versione stampabile
ads ads