Nelle fasi B1, C e D non è valida la precedenza per assistenza al genitore

Ironica  – Gentilissima Lalla sono una docente ante 2014 che assiste il genitore vedovo con annotazioni di gravità il quale risiede ad un chilometro e mezzo ma comune diverso, anche quest’anno produrrò domanda per trasferimento interprovinciale . Dovrò inserire l.104 o come avevo inteso non è possibile?  Troppe voci dicono che si deve , ti prego di chiarirmi il dubbio e possibilmente indicami la normativa.  Grazie in anticipo.

Isabella  – Salve, sono una Docente in fase C GaE, immessa in ruolo 2015/2016. In fase di compilazione di domanda di Mobilità Territoriale 2016. Avendo diritto alla precedenza per la Legge 104/92 art. 33 comma 5 e 7 per assistenza di Mia Madre disabile 100%. Mi sono trovata dubbiosa nel compilare un punto specifico della domanda, cioè: Assistito per il quale il docente usufruisce della precedenza prevista dall’ art. 33, commi 5 e 7 L.104/92 (nei limiti previsti dall’art.13, comma 1, punto V del contratto mobilità) (Per il trasf. Provinciale coniuge/genitore) Nella casella a destra ritrovo scritto solo Coniuge e Figlio. Non trovando Genitore come lo devo compilare? Ho precedenza su questo punto? Grazie Mille, Spero in una vostra repentina risposta.

Paolo Pizzo – Gentilissime,

L’art 13 comma 1 punto V del CCNI è molto chiaro sull’argomento disponendo che nei trasferimenti interprovinciali non è valida la precedenza per assistenza al genitore. Lo sarà esclusivamente nelle assegnazioni provvisorie interprovinciali.

Pertanto, nei moduli-domanda delle fasi B1, C e D in coerenza con ciò che dispone il contratto è possibile solo indicare la suddetta precedenza per assistenza al figlio o al coniuge.

Solo la fase B3 provinciale potrà esprimere tale precedenza.

Posted on by nella categoria Mobilità
Versione stampabile
ads ads