Mobilità Fase A e sequenza operativa: i trasferimenti comunali e provinciali vengono predisposti prima dei passaggi di cattedra e di ruolo

Daniela – Ringrazio in anticipo per la vostra competenza e grande disponibilità! Insegno matematica e scienze nella scuola media: ho fatto in fase A sia domanda di trasferimento che di passaggio di ruolo; per il trasferimento mi hanno accreditato 185 punti: come verranno considerati per il  passaggio di ruolo? Cioè mi precederanno i colleghi delle superiori già su quella classe di concorso anche con meno punti di me? Grazie mille

Giovanna Onnis – Gentilissima Daniela,

la domanda di trasferimento da te presentata nella fase A, rientra nella sottofase 1A se nell’ambito del comune di titolarità, oppure nella sottofase 2A se in altro comune, ma sempre nella provincia di titolarità. La sottofase 1A, infatti, viene definita “comunale”, mentre la sottofase 2A rappresenta quella provinciale.

La mobilità professionale provinciale rientra nella sottofase 3A e sarà in questa fase che verrà valutata la tua domanda di passaggio di ruolo.

Ti ricordo che nel calcolo del punteggio per il passaggio di ruolo non si valutano le esigenze di famiglia, ma, in ogni caso, il punteggio che ti spetta non può essere determinante per precedere i docenti che, pur avendo meno punteggio di te, chiedono trasferimento e non passaggio.

In altri termini i docenti che rientrano nella fase 1A e 2A precedono sicuramente, a prescindere dal punteggio, coloro che rientrano nella fase 3A secondo una sequenza operativa ben precisa, come indicata nell’allegato 1 del CCNI 2016/17

Posted on by nella categoria Mobilità
Versione stampabile
ads ads